Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Udinese, il ginocchio di Di Natale è ok

Udinese, il ginocchio di Di Natale è okTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 13 luglio 2009, 18:452009
di Redazione TMW

Pasquale Marino ha motivi per essere soddisfatto: il primo test stagionale dell'Udinese nel ritiro di Montepulciano (12-0 al Poliziana) ha regalato un Di Natale completamente recuperato.
Non solo. I nuovi acquisti Orellana, Cuadrado e Berisa hanno dimostrato di essere elementi interessanti, anche se il primo vero giudizio potrà essere espresso solamente quando l'Udinese sosterrà il primo vero test stagionale rappresentato dal triangolare del 25 luglio a Dortmund contro Borussia e Valencia. Il test contro il Poliziana, invece, è stato veritiero per Totò Di Natale, alla sua prima gara dopo il grave infortunio subito a fine marzo in Macedonia-Italia quando riportò la parziale lesione del crociato anteriore sinistro. Di Natale che da metà aprile si è sottoposto ad un duro lavoro di potenziamento muscolare, ha fugato ogni dubbio sulla sua ritrovata condizione fisica. Il capitano dell'Udinese, non solo é stato uno dei migliori, ma si è esaltato in alcune serpentine degne dei suoi giorni migliori e alla fine è parso il più soddisfatto.

E' pianamente recuperato anche se, a livello di condizione generale, abbisogna di un normale rodaggio, come tutti del resto.
Al di là del 'caso' D'Agostino, in casa bianconera tiene banco anche il futuro di Di Natale. Rimarrà ancora all'Udinese, oppure alla fine verrà ceduto al Parma? Di certo le distanze tra i due club sono notevoli, anzi, appaiono incolmabili. Al momento non sono previsti altri incontri tra i dirigenti dei due sodalizi, per cui al 90 per cento Di Natale dovrebbe rimanere per cercare non solo di difendere nel modo migliore la causa dell'Udinese, ma anche di riconquistarsi il posto nella nazionale di Lippi in vista dei mondiali in Sud Africa nel 2010 che rimangono il vero obiettivo dell'attaccante bianconero friulano.