Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Cagliari, Allegri: "Nené? L'ho visto stanco"

Cagliari, Allegri: "Nené? L'ho visto stanco"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 7 febbraio 2010, 19:352010
di Claudio Colla
fonte www.cagliaricalcio.net
"Anche sullo 0-3 comunque abbiamo continuato a giocarcela"

Riesce a trovare un aspetto positivo nel computo degli eventi odierni, nonostante il pesante passivo subito dall'Inter, l'allenatore del Cagliari Massimiliano Allegri: «Forse abbiamo sofferto la personalità dell'Inter, ma intanto il primo gol è arrivato in contropiede. Anche sullo 0-3, non abbiamo mai smesso di attaccare, e cercare il gol». Accetta candidamente la sconfitta, proiettandosi già costruttivamente verso la sfida casalinga contro il Bari: «Portare via punti in questo periodo a San Siro contro l'Inter è molto difficile. Quando poi vai sotto di due gol dopo 20 minuti, tutto si complica ulteriormente. Abbiamo provato a reagire, segnando un gol che ci è stato annullato e sfiorando ancora la segnatura con la rovesciata di Nenè. Ci sono domeniche nelle quali ti va tutto storto: la rete di Pandev è stata fortuita, scaturita da un rimpallo.

Anche noi abbiamo commesso degli errori, che comunque ci possono stare contro una grande squadra del genere». Sullo stesso centravanti brasiliano Nené, trattenuto a Cagliari nonostante le richieste del Milan: «L'ho visto stanco, per questo l'ho tolto dopo un'ora di gioco». E prosegue: «Chi ha giocato comunque ha fatto il proprio dovere. Gli altri cambi? Biondini è diffidato, Nainggolan è entrato negli ultimi cinque minuti. Ora abbiamo cinque partite importanti, dobbiamo avvicinarci il più possibile a quella quota 40 che costituisce il nostro traguardo».