Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Cagliari, Donadoni: "Non sono riuscito a trasmettere gli stimoli giusti"

Cagliari, Donadoni: "Non sono riuscito a trasmettere gli stimoli giusti"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 20 dicembre 2010, 18:002010
di Vincenzo Vitiello

La sconfitta subita dal Cagliari a Cesena non scoraggia Roberto Donadoni che incassa il secondo stop da quando è alla guida del Cagliari. Una sconfitta arrivata ancora in trasferta segno che la squadra lontano dal Sant'Elia non riesce ad esprimersi al meglio. Donadoni, al sito ufficile della società, analizza la partita di Cesena sperando di risolvere al più presto i problemi derivanti, a parere del tecnico, dalla mentalità della squadra:

"Bisogna lavorare sulla mentalità -afferma Donadoni- Anche perchè alla ripresa ci aspetta il Milan, e quindi la trasferta di Parma. A Cesena abbiamo preso gol sul nostro momento migliore. Jimenez ha compiuto una vera invenzione. Poi loro hanno continuato con la medesima grinta e fame, mentre noi abbiamo avuto un calo. Il freddo e il terreno non ci hanno certo aiutato. Il Cesena si è difeso comunque molto bene. La sostituzione di Conti? Sono valutazioni che ho fatto nel tentativo di cambiare volto alla partita. Purtroppo non ci sono riuscito. Del resto, per tutta la settimana è stato ripetuto che finalmente avevo l'imbarazzo della scelta, e ho provato qualcosa di diverso. Forse non sono riuscito in settimana a trasmettere gli stimoli giusti ai ragazzi. Diciamo che per il Cesena era una partita spartiacque, non poteva permettersi fallirla. Ci spiace non aver raccolto nulla; pensiamo al futuro".