Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Chievo, Campedelli: "Con la Juve mi aspetto una grande gara"

Chievo, Campedelli: "Con la Juve mi aspetto una grande gara"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
giovedì 16 dicembre 2010, 17:502010
di Antonio Vitiello

"Quando giochi con le grandi senti dentro sempre qualcosa di speciale. Con la Juve mi aspetto una grande partita, una grande prestazione". Il patron del Chievo, Luca Campedelli, è uno dei presidenti del calcio che parlano poco, ma quando lo fa misura le parole e magari aspetta le occasioni veramente speciali, come il prossimo match al Bentegodi contro la Juventus dell'ex Gigi Delneri, per far sapere come la pensa. L'occasione è stata oggi l'incontro a pranzo con la stampa veronese, prima delle festività. Con i bianconeri domenica al Bentegodi tornerà anche un pezzo della società gialloblù, quel Delneri che ha forgiato il 'miracolo' Chievo. Ma Campedelli non si guarda alle spalle, e così della sfida contro la Juve dice: "Siamo reduci da due brutte sconfitte. Spero che la squadra sappia reagire nella maniera più opportuna. Di solito, l'ha sempre fatto, e quando giochi con le grandi senti dentro sempre qualcosa di speciale". E' vero, i veronesi con le grandi difficilmente 'steccano'.

Lo dimostrano le due recenti prestazioni contro Inter e Roma, una vittoria storica e una rimonta esaltante. "Sono state due prestazioni esaltanti - conferma Campedelli - che hanno messo in evidenza il lato più bello della nostra squadra". Il presidente gialloblù non se la sente però di tracciare paragoni tra il passato (Delberi) e il presente del Chievo (Pioli). "Non entro in nessuna questione tattica, quelle spettano ai tecnici - spiega -, non ho la capacità per dare giudizi del genere". Parole dolci e speciali in un calcio italiano che spesso non rispetta i ruoli. Però alla squadra un messaggio Campedelli lo manda uguialmente. "Abbiamo perso due partite importanti contro Bologna e Lecce, incassate contro avversarie che lottano per la salvezza come noi. Sono convinto che abbiamo caratura tecnica, tattica e morale tali da risollevarci in breve tempo. Il campionato non si decide oggi, ma più avanti".