Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

ESCLUSIVA TMW - Under 21, Casarini: "Che soddisfazione..."

ESCLUSIVA TMW - Under 21, Casarini: "Che soddisfazione..."TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 26 febbraio 2010, 18:062010
di Alessio Alaimo

E' il volto della felicità il centrocampista del Bologna, Federico Casarini, fresco di convoncazione in Nazionale under 21 per la partita che gli azzurrini giocheranno il 3 marzo: "Tempo fa non ci avrei mai pensato, poi ho avuto l'opportunità di giocare con continuità e quindi il mio pensiero si è sempre proiettato verso l'under 21 fino a quando non è arrivata la convocazione".

Quando hai saputo della convocazione?
"L'ho saputo ieri attraverso i dirigenti, ora è arrivata la conferma in sede".

Te l'aspettavi, oppure, quando te lo hanno detto pensavi fosse uno scherzo?
"Ci puntavo, giocavo da un po' di partite e quindi era il sogno perché l'under 21 significa che un giocatore si sta formando e gioca a livelli importanti. Ci speravo veramente".

A chi dedichi questa convocazione?
"Alla mia famiglia e a tutte le persone che mi sono state vicine e che mi hanno aiutato, quindi anche al Bologna che mi è sempre venuto dietro in tutte le stagioni".

Rispetto ad altri, hai un valore aggiunto: il mental coach.
"Mi segue Roberto Civitarese da qualche mese, mi trovo bene, mi da un mano, è una cosa in più che un giocatore può avere a livello di testa".

E' una professione sconosciuta agli occhi di molti. In che cosa consiste? Cosa ti ha dato in più?
"Me lo ha fatto conoscere il mio procuratore. Era una professione sconosciuta anche per me, mi ha dato la sicurezza che mi mancava, nelle convinzioni e nelle capacità. Il mental coach lavora solo nella testa, non da consigli tecnici e aiuta a livello di testa nel saper gestire le pressioni".

© Riproduzione riservata