Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Fiorentina, Mihajlovic: "Mutu è un grande giocatore"

Fiorentina, Mihajlovic: "Mutu è un grande giocatore"TUTTO mercato WEB
© foto di Giacomo Morini
lunedì 6 dicembre 2010, 15:002010
di Redazione TMW.

Il tecnico viola Sinisa Mihajlovic è stato raggiunto dai microfoni di SkySport24 per chiedergli un parere riguardo al primo storico trionfo nel tennis per la Serbia in Coppa Davis.

Nella giornata di ieri, l'attaccante della Fiorentina Adrian Mutu, che ha segnato il gol della vittoria contro il Cagliari, ha ringraziato il tecnico serbo.
"L'ho detto anche ieri, è un gesto simbolico che praticamente abbraccia tutti i giocatori e tutto lo staff, perchè comunque lui è un ragazzo serio ed intelligente, ha capito che nei momenti difficili gli siamo sempre stati vicino, che non lo abbiamo mai abbandonato, e non vedeva l'ora di ripagarci. Perciò è stato un gesto molto bello da parte sua, che mi ha fatto piacere, ma con questo abbraccio ha ringraziato tutti".

Avete ritrovato un giocatore. Un tempo c'erano state delle divergenze in campo che appartengono oramai alla preistoria.
"Sono cose che possono succedere, quando in campo si ritrovano due persone con dei caratteri un po' focosi e nessuno dei due vuole perdere. Anche in quell'occasione non è stata colpa sua, sono stato io per primo, lui ha fatto il suo, io ho abboccato e allora è stata colpa mia".

"Mutu è un grande giocatore, è una bravissima persona al di là di tutto quello che ha fatto. Tutti possono sbagliare. C'è una stima reciproca".

Da quando sei passato ad essere un allenatore cerchi un po' di capire coloro che ti assomigliavano nella persolnalità?
"Bisogna sempre crescere e migliorare. Certe cose si fanno, ma poi dopo capisci gli sbagli, poi cerchi di riflettere. Adesso faccio questo lavoro e devo pensare a 25, 30 giocatori. prima pensavo solo a me stesso, ero un pochino più egoista, adesso ragiono di più, ma è giusto così".