Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il Manfredonia ripartirà dai Dilettanti

Il Manfredonia ripartirà dai Dilettanti
venerdì 9 luglio 2010, 14:452010
di Alessio Calfapietra

Non c'è stato nulla da fare: il Manfredonia si aggiunge alla già lunga lista di squadre di Lega Pro che non prenderà parte al prossimo campionato. La società pugliese ha infatti reso noto che non verrà presentato alcun ricorso avverso la mancata iscrizione al torneo di Seconda Divisione 2010/11 e che pertanto il club ripartirà dalle serie inferiori. Il sindaco della città sipontina, Angelo Riccardi, che pure si è mosso in prima persona per risolvere la situazione, ha manifestato tutta la sua delusione per come è andata a finire la vicenda. "Non riesco a capacitarmi che la città abbia perso questa occasione e non ritengo produttivo, né onesto, continuare a nutrire la speranza nonostante il termine ultimo per il ricorso avverso l'esclusione sia fissata nella giornata di domani, sabato 10 luglio 2010 - osserva amareggiato - E' doveroso esprimere la mia più profonda gratitudine per chi ha abbracciato una causa così ardua nella sua piena realizzazione, meriti ancora maggiori se rapportati con le scelte operate da coloro i quali ho provato a coinvolgere in quella che, non ho mai fatto mistero, sarebbe stata un'impresa ma che al contempo sarebbe stata anche la forma più bella, perché disinteressata, per contribuire ad un'auspicata crescita collettiva della nostra città.


Mi ritengo tifoso quanto i ragazzi che in questi giorni hanno dato vita a due manifestazioni pubbliche, per tentare un'ulteriore ma purtroppo vana forma di sensibilizzazione, e sono amareggiato quanto loro di non essere riuscito a convogliare il giusto interesse né a portare a termine il mio tentativo. Tentativo divenuto forse un pò meno gravoso nella consapevolezza di essere idealmente accompagnato dai tifosi sipontini ma tentativo che non ha portato i risultati auspicati.
Ritengo che siano proprio questi ragazzi, e la loro viscerale quanto insurrogabile fede nei colori biancocelesti, la migliore base per ripartire accanto a quegli stessi imprenditori che, trovatisi ad essere circondati dall'immobilismo altrui, non hanno rinunciato al proposito di restituire lustro a Manfredonia anche attraverso la pratica sportiva più diffusa sul territorio nazionale: il calcio.
Considero di aver esaurito qui il mio compito istituzionale - conclude il Primo Cittadino - ma, e ciò mi sia permesso, auspico con tutto me stesso di vedere al più presto un attivismo ed una partecipazione più diffusa che possano permettere a Manfredonia ed ai manfredoniani quanto meno una soddisfacente militanza nel campionato calcistico Dilettantistico".