Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, la carica del capitano: "Tutto dipende da noi"

Inter, la carica del capitano: "Tutto dipende da noi"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 5 dicembre 2010, 08:382010
di Redazione TMW.
fonte Telelombardia - www.qsvs.it

Presenta le sue tazzine benefiche per la fondazione Pupi e suona la carica per i compagni, in vista del mondiale per club che si giocherà tra 10 giorni ad Abu Dhabi.

E' un vero capitano Javier Zanetti, che dopo una sconfitta cocente come quella di ieri sera all'Olimpico è pronto a metterci la faccia e a dire che si, la colpa non è solo di Benitez ma anche di chi scende in campo, visto che i primi due gol biancocelesti «si dovevano evitare».

Saranno le assenze ma quest'Inter prende troppi gol evitabili, ma anche in questo caso il capitano non si lascia andare alla nostalgia per il Muro Walter Samuel e spiega che «se la squadra prende troppi gol non è per l'assenza di un giocatore ma perché tutti quanti difendiamo peggio».

Ormai il campionato 2010 per l'Inter è finito, giusto a questo punto concentrarsi sul mondiale per club e sull'ultimo infortunio in casa nerazzurra: quello di Stankovic, stop numero 41 da inizio stagione. In questo caso il capitano ha solo un desiderio: che tornino tutti disponibili, perché «in questo periodo ci è mancata mezza squadra, se ritroveremo tutti i nostri campioni possiamo farcela e chiudere in bellezza questo 2010: manca solo l'ultimo sforzo».

Allora ecco la carica ai compagni: «siamo forti e tutto dipende da noi, ma possiamo farcela».