Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, Diego al bivio: assist per Dzeko o giocata solitaria

Juve, Diego al bivio: assist per Dzeko o giocata solitariaTUTTO mercato WEB
© foto di Filippo Gabutti
lunedì 19 luglio 2010, 13:482010
di Redazione TMW
fonte Sportitalia.com

Rischia di diventare più decisivo ora che nell'intera passata stagione. Diego Ribas da Cunha è l'uomo mercato della Juventus. Già, perché proprio intorno al fantasista brasiliano si gioca lo sprint finale della campagna acquisti bianconera. Se Diego fa le valigie e se ne torna in Germania, destinazione Wolfsburg, Dzeko può arrivare. Se se ne torna in Germania, destinazione Amburgo, la mole saluterà Elia, che nella lista di Marotta è l'esterno numero due dietro al tormentone Krasic. La trattativa con il cska Mosca è congelata da tempo. Problemi relativi alle modalità di pagamento, più che sulla cifra, 15 milioni. Segno che l'affare non è fuori discussione. A complicarlo, però, sono arrivate anche le nuove regole sul tesseramento degli extracomunitari, che obbligano i club di serie A a ingaggiare un solo extra Ue a stagione. Questo significa che la Juve deve ponderare bene le sue scelte: Dzeko esclude Krasic e viceversa. Occorrono almeno 35 milioni di euro per vincere la concorrenza del Manchester City e portare il bosniaco in bianconero.

20 milioni sono potenzialmente ricavabili dalla cessione di Diego. Lui è stato cristallino: non se ne vuole andare. Lo ha detto e ribadito: vuole restare anche se non ha il posto in squadra assicurato. Se il brasiliano dovesse spuntarla, e dalla sua ha un contratto che scade nel 2014, le alternative sono due: rinunciare a Dzeko e puntare tutto su Krasic. Fare un ulteriore sforzo economico per il bosniaco e vendere una punta. Al momento, Iaquinta pare svantaggiato rispetto a Trezeguet, che in questa fase di preparazione sta convincendo Del neri. Ma quanto ancora bisognerà aspettare prima di concretizzare una delle due piste? L'impressione è che ci voglia ancora molto. Troppi nodi da sciogliere, poca voglia di lanciarsi in operazioni poco meditate. I soldi vanno spessi bene. Diego e Melo insegnano.