Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, Krasic a tutto cuore: "La firma il momento più bello"

Juve, Krasic a tutto cuore: "La firma il momento più bello"TUTTO mercato WEB
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
venerdì 24 dicembre 2010, 09:392010
di Giulia Borletto

Milos Krasic si confessa. E' diventato senza mezzi termini il simbolo indiscusso di questa prima Juventus targata Delneri e non ha nessuna intenzione di smettere di far sognare i suoi tifosi. Dalle pagine di Tuttosport il serbo racconta i primi mesi in bianconero, dalla firma del contratto al gol bellissimo contro la Lazio, ma soprattutto parla del suo futuro, tutto a tinte bianconere. "Il momento più bello di quest'anno è stato la firma sul contratto e il goal alla Lazio,ho vissuto un 2010 incredibile: il mondiale, la Juventus e sopratutto la prima figlia". Per lui è un piccolo sogno essere a Torino, perchè, come spiega lui stesso: "Abitavo in Kosovo dove tutti i miei amici sono tifosi della Juve: Baggio, Vialli, Ravanelli, Boksic..erano tutti idoli. Ricordo quando nel 96 salimmo sul tetto con gli amici e costruimmo un'antenna artigianale per riuscire a vedere meglio la Juventus in Champions visto che il segnale dell'altra era debole e le immagini non erano nitide".

Il paragone con Nedved non si limita al caschetto biondo svolazzante per il campo. "Nedved mi ha fatto i complimenti e mi stimola a dare sempre di più, dopo Natale studierò italiano tutti i giorni ma sono già avanti...capisco tutti i dialoghi di Pepe". Vuole vincere lo scudetto Krasic? "Ci pensiamo certo,ma viviamo partita per partita,la nostra forza è il gruppo unito. I tifosi? senza di loro non saremmo niente, ecco perchè quando segno corro da loro". Il calcio italiano è pieno di fuoriclasse ma un pò troppo falloso, il gioco si spezzetta troppo con pause continue".