Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, Krasic è l'uomo in più

Juve, Krasic è l'uomo in piùTUTTO mercato WEB
© foto di MASCOLO/PHOTOVIEWS
venerdì 24 dicembre 2010, 12:092010
di Antonio Vitiello
Sportitalia

Partiamo dal gol segnato nel recupero alla Lazio: quello del 2-1 e probabilmente il punto più alto dell'esperienza italiana di Milos Karsic. Arrivato in estate dal Cska Mosca, innamorato della Juve e solo della Juve, il serbo ha rifiutato anche i milioni del Manchester City pur di accasarsi a Torino. Una scelta di cuore, che già in questi primi mesi sta pagando dividendi importanti, sia per il giocatore sia, naturalmente, per la squadra di Delneri. le percussioni e le accelerazioni sulla fascia del biondo centrocampista, che tanto ricorda Pavel Nedved, hanno da subito sollecitato l'entusiasmo del popolo bianconero, che lo ha eletto come nuovo idolo. Riservato, timido ed educato fuori dal campo, Krasic è stato un incubo sul campo per le difese avversarie, incapaci di prendergli le misure e di contenerne la velocità.

Anche i tifosi più ottimisti non si sarebbero immaginati un rendimento così alto da parte del serbo, cresciuto in Kosovo col mito della Juve e volato in Russia ancora molto giovane e costretto a farsi le ossa da solo lontano da casa. Il suo 2010 finora è stato una sequenza di sogni diventati realtà, fra cui anche la paternità e il mondiale giocato in Sudafrica con la propria nazionale. Al 2011 ora Krasic chiede solo una cosa...ricucire lo scudetto sul petto della vecchia signora...