Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

L'anti Mourinho per la guida dell'Inter: storia di un intreccio tra big

L'anti Mourinho per la guida dell'Inter: storia di un intreccio tra bigTUTTO mercato WEB
Josep Guardiola
© foto di Daniele Buffa/Image sport
mercoledì 1 dicembre 2010, 15:412010
di Raimondo De Magistris

Pep Guardiola alla guida dell'Inter: un'idea accarezzata da Massimo Moratti già la scorsa estate, ma che potrebbe realmente concretizzarsi la prossima stagione.
Sgombriamo subito il campo da fraintendimenti: una vera e propria trattativa potrà nascere solo la prossima primavera se l'era Benitez dovesse continuare a procedere con il freno a mano tirato. A quel punto il patron nerazzurro potrebbe affidarsi a chi in questo momento più di tutti riesce a sintetizzare bel calcio e risultati. Si tratta di quel Guardiola che lunedì sera ha strapazzato il Real Madrid, un 5-0 che rende pieno merito all'incantevole prestazione degli azulgrana con José Mourinho che ha potuto solo ammirare le gesta degli undici catalani.
Già, proprio Mourinho, quel tecnico che con Guardiola sembra avere davvero poco in comune. Il portoghese straordinario nelle provocazioni, lo spagnolo bravo nell'evitarle. L'uno maestro di spavalderia, l'altro di umiltà. Due fenomeni della panchina con atteggiamenti completamente opposti.


Moratti ci pensa, l'antiMourinho potrebbe essere la soluzione ideale per guidare i nerazzurri dal prossimo anno. C'è però un altro patron che in queste ore sta pensando all'attuale tecnico del Barça. Si tratta di quel Roman Abramovich i cui rapporti con Carlo Ancelotti non sembrano esser più quelli della scorsa estate. La fiducia confermata via sms dopo il match vinto con lo Zilina non ha di fatto fugati i dubbi circa un rapporto guastato dalla brutte prestazioni di novembre e dalle divergenze per un mercato estivo che il manager italiano non sembra aver apprezzato fino in fondo.
Due big sulle tracce del tecnico catalano, che nel frattempo ancora non ha rinnovato il suo contratto col Barcellona.
Inter-Barça-Chelsea-Guardiola: l'intreccio è servito.