Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Lippi, poker face per un posto: vediamo i pro e i contro

Lippi, poker face per un posto: vediamo i pro e i controTUTTO mercato WEB
© foto di Giacomo Morini
mercoledì 3 febbraio 2010, 10:152010
di Gianluigi Longari

Che non siano attese rivoluzioni è fin troppo scontato. Più di una volta Marcello Lippi ha avuto modo di far presente che lo zoccolo duro dei 23 che prenderanno parte alla rassegna mondiale SudAfricana di quest'estate è già scelto, e al di là di rendimenti altalenanti di alcuni protagonisti annunciati, sono da escludersi clamorose sorprese. I principali dubbi riguardano l'attacco, dove emergono quattro candidati di lusso per giocarsi un solo posto. Vediamo quali potrebbero essere le armi a disposizione dei protagonisti di questo lotto.
La prima opzione, in rigoroso ordine alfabetico, è quella che porta ad Amauri. Il centravanti juventino è già da tempo in parola con Lippi, anche se il suo rendimento disastroso in questo campionato potrebbe aver convinto il c.t. a cercare altrove il tassello in grado di completare il reparto offensivo. A marzo dovrebbe arrivare la cittadinanza italiana, ma in un ipotetico sondaggio tra chi vuole bene alla Nazionale, scommetteremmo su un Amauri in ultimissima posizione.
Proseguiamo con l'opportunità più suggestiva, quella che porta a Mario Balotelli. Il problema non sarà l'età: Lippi, convocando Santon, ha già dato ampie dimostrazioni in merito. Le remore sono a livello caratteriale, anche se il Balotelli versione 2010 sembra essere lontano parente di quello che aveva fatto dannare Mourinho la scorsa stagione. Disposto al sacrificio, generoso nei ripieghi, imprevedibile ed efficace nelle sortite offensive.

E' uno degli indispensabili della squadra che sta dominando il campionato, la sua candidatura non è mai stata tanto forte. La freschezza atletica e le straripanti qualità tecniche di Mario farebbero di lui anche un perfetto "dodicesimo uomo", un jolly da giocarsi a partita in corso ed in grado di scompaginare partite già scritte. Si può fare.
Marco Borriello: il milanista sembra aver raggiunto l'assoluta maturità tecnica. Non essendo frenato dagli infortuni ha potuto esprimere un potenziale quasi ai livelli della fantastica annata genoana di due stagioni fa. Impossibile non prenderlo in considerazione, unico dubbio: la sua scarsa duttilità. Il napoletano è una punta centrale che male si adatta ad agire in posizioni più esterne. Potrebbe essere un limite, toccherà a Lippi prendere una decisione.
Ultimo, ma non ultimo Luca Toni. Il bomber modenese era parso rigenerato dall'approdo in giallorosso, quando un fastidioso infortunio lo ha messo fuorigioco per qualche partita. Parte in svantaggio rispetto agli altri, ma un finale di stagione sulle medie fiorentine e dello scorso anno al Bayern farebbero di lui una bocca da fuoco troppo spietata per non essere presa in considerazione. Vedremo.