Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Matera, Dimitri getta acqua sul fuoco e rassicura l'ambiente

Matera, Dimitri getta acqua sul fuoco e rassicura l'ambiente
martedì 7 dicembre 2010, 19:592010
di Francesco Romano

Nell'articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, il Direttore Generale dell'Area Tecnica Gino Dimitri puntualizza che il kappaò contro l'Aversa Normanna può servire ai suoi ragazzi per fare esperienza. Dimitri nell'articolo continua a spiegare: "Finora non c'era mai stata squadra che ci aveva messo sotto più di un goal, avevamo perso sempre delle partite di misura e avevamo tenuto botta con avversarie dei piani alti della classifica. Mi auguro che non ci si faccia prendere dallo sconforto e che quanto prima si riprenda il cammino tranquillamente e senza strascichi. Personalmente gradirei sentire parlare di calcio e non di altro. Noi andiamo avanti così, polemiche inutili e sterili ci stanno accompagnando da un po'. Le chiacchiere lasciano il tempo che trovano. Non sto ad ascoltarle.

So solamente una cosa però, che qui c'è una società che va avanti con i fatti e la verità e che dopo 14 anni di purgatorio nel dilettantismo, ha riportato il Matera nel calcio professionistico. Nel calcio tutto è opinabile, ma i risultati non li puoi discutere. A me la proprietà del club non ha mai detto di voler smobilitare. Anzi si è fatta una programmazione, ci siamo seduti a tavolino. Nell'ultima riunione fatta con Perniola, Tosto e Cadregari si sono fatti progetti da realizzarre in maniera intelligente e non facendo le spese folli che ci sono state negli ultimi due anni. Dobbiamo dare un taglio diverso a ciò che è stato fatto".