Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, in tanti vogliono Leonardo

Milan, in tanti vogliono LeonardoTUTTO mercato WEB
© foto di Federico Gaetano
martedì 23 febbraio 2010, 13:462010
di Matteo Magrini
fonte milannews.it

Gettato nella mischia contro ogni pronostico, Leonardo oggi batte cassa. Era dato da molti come "compagno di fallimento" di Ferrara, ma il brasiliano ha invece mostrato una sagacia e scaltrezza particolare, per disimpegnarsi al meglio al suo esordio in panchina. L'estate priva di colpi ad effetto (Cissokho e Dzeko svanirono sul più bello), riservò al neo tecnico solo note dolenti con le partenze di Maldini e Kakà, autentici leader dello spogliatoio. Ritrovatosi in mano un gruppo integrato dai soli giovani, mister de Araujo ha iniziato a plasmare la sua creatura. I risultati delle prime settimane furono disarmanti, poi qualcosa è cambiato e il percorso rossonero si è fatto meno difficoltoso. La squadra oggi pur incappando in alcuni risultati poco fortunati, ha una sua identità forte, un gioco spesso brillante e un gruppo coeso.

Queste basi sono state create grazie alla sapienza e capacità di Leonardo, che va detto, ha dovuto fare affidamento su una campagna acquisti a dir poco "low cost". Ora che ha saputo affermare la sua leadership in panchina, il mister rossonero chiede garanzie di spessore tecnico e personale. In estate vorrebbe pianificare una campagna acquisti mirata e sentirsi libero di poter agire senza temere stilettate al veleno. Estimatori non mancano, in Europa e soprattutto in Brasile molti vorrebbero vantare l'ingaggio di Leonardo. Sostituto di Dunga o promoter dei prossimi Mondiali (2014), ampia è la scelta del ruolo da vestire, senza dimenticare che il Flamengo in qualsiasi momento, sarebbe pronto ad offrire una veste all'attuale mister del Milan. La dirigenza rossonera deve muoversi in fretta, per garantirsi le prestazioni di un vero e proprio astro nascente della panchina, magari assecondandolo di più e coccolandolo a dovere