Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Leonardo: "Domani tifo Ancelotti"

Milan, Leonardo: "Domani tifo Ancelotti"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 23 febbraio 2010, 17:302010
di Redazione TMW

Sta meglio ora il Milan rispetto a dicembre e quindi benedetta la neve che ha rinviato di due mesi una partita che finalmente dirà ai rossoneri qual è la loro reale distanza dall'Inter. E pace al ranking Uefa che è importante ma Leonardo non ha dubbi: domani tiferà per Carlo Ancelotti e si augura che il Chelsea possa eliminare l'Inter.
Sarà una serata di simil Champions anche quella che attende il Milan a Firenze e Leonardo sa che la squadra di Prandelli "si esalta molto quando gioca in situazioni di gala" e quindi si aspetta "la Fiorentina delle grandi occasioni". Ma il Milan é in ripresa, a Bari "ha fatto una gara di concretezza enorme" e "tutti i giocatori stanno bene anche a livello mentale", a partire da Ronaldinho per finire con Abbiati.

Con Silvio Berlusconi è tutto chiarito ("la situazione è molto chiara e tranquilla, argomento chiuso") e il tecnico brasiliano esprime quindi la sua soddisfazione per un "ottimo campionato sia a livello di classifica che di gioco, a prescindere della partita di domani". E il merito di quanto di buono fatto finora dal Milan "é tutto dei giocatori: sono loro sono i veri protagonisti di quest'anno - spiega - ognuno di loro ha fatto qualcosa di straordinario, facendo la differenza con disponibilità e voglia".

In caso di vittoria, l'Inter sarebbe a sole quattro lunghezze con il campionato sostanzialmente riaperto. Leonardo non si vuole fare grandi illusioni e spiega che "per tutti è difficile chiudere i campionati. L'Inter - ricorda - resta la squadra più attrezzata e lo dimostra il fatto che nel periodo negativo arrivino pareggi e non sconfitte. Ma se sarà brava a non far diventare determinante questo momento il pallino resta nelle sue mani".
Di Mourinho, manette e squalifiche preferisce non parlare perché "a qualsiasi parere che viene da fuori mancano informazioni" su quanto accaduto sabato sera. Ma se per amor di patria e coefficiente Uefa, Adriano Galliani domani tiferà Inter, altrettanto non si può chiedere a Leonardo: "Sono molto legato ad Ancelotti - spiega - sono complice della sua storia da tanto tempo. Io tifo per Carlo, ma non ho niente di più. Se una squadra italiana va avanti tutti noi siamo contenti, ma può sempre andare avanti la Fiorentina, assieme a noi...Ma non è un tifo speciale contro l'inter, davvero".
Ma è più facile rimontare l'Inter o eliminare il Manchester: "Non so - conclude Leonardo - sono due cose completamente diverse. Con il Manchester è una gara unica da vincere in modo importante, per l'altra si devono correre ancora tanti chilometri. Sono 100 metri e una maratona, due competizioni molto diverse".
Pochi i dubbi di formazione contro i viola, visto che Leonardo farà un po' di turn-over solo domenica contro l' Atalanta. Flamini è tornato disponibile e domani Marco Borriello sarà regolarmente al suo posto assieme a Ronaldinho e Pato.