Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Moggi: "Posti Champions già assegnati"

Moggi: "Posti Champions già assegnati"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico de Luca
giovedì 25 febbraio 2010, 16:002010
di Vincenzo Vitiello

L'ex direttore generale di Napoli e Juventus, Luciano Moggi, è intervenuto ai microfoni di "Radio Goal" in onda su "Radio Kiss Kiss" rilasciando alcune dichiarazioni riguardanti il Napoli, le possibilità che ha la squadra azzurra di centrare l'Europa e le recenti affermazioni di Morinho:

"Mourinho ha ragione, è stata costruita Calciopoli con le chiacchiere. Ora piangono tutti: anche De Laurentiis, quando gli fa comodo, si lamenta. Le manette? Con me dirigente, Josè sarebbe stato al suo posto, senza fare sceneggiate e stupidaggini che fanno danno solo a lui. A me personalmente Mourinho sta simpatico, ma quando si esagera, si diventa poi antipatici a tutti. Gli arbitri? Le società di calcio che vanno per la maggiore hanno sempre un vantaggio, nel senso che le decisioni arbitrali vanno in sempre in una direzione: si chiama sudditanza psicologica. I quattro posti sono già assegnati? Non c'è dubbio, la Juventus è più forte del Napoli. Gli episodi favorevoli ai bianconeri? E allora il rigore non dato alla Fiorentina? Anche quello è stato uno scandalo. Gli azzurri, comunque, possono competere solo per l'Europa League. Prima che cominciasse il campionato ho sempre detto che l'Inter avrebbe vinto lo scudetto e che il Milan sarebbe stato l'alter ego della squadra nerazzurra, con Roma e Juve a completare il quadro. Manca solo la Fiorentina, all'appello. Ma ho avuto ragione, finora. Adriano nuovamente in Italia? Fosse per me, lo prenderei subito, tecnicamente non si discute. Se, però, dal punto di vista psicologico è ancora l'Adriano che conosciamo, allora meglio che resti in Brasile. Ranieri? È riuscito ad entrare benissimo nel gruppo giallorosso, Spalletti era alla fine del suo ciclo. Ranieri ha fatto ottime cose, così come Mazzarri, l'uomo giusto per una piazza calda come Napoli. Cedere uno tra Lavezzi ed Hamsik? Difficile a dirsi, prima di farlo, vorrei capire chi posso, in alternativa, portare al Napoli, ma De Laurentiis saprà eventualmente cosa fare".