Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Napoli, dodici spine per il mercato

Napoli, dodici spine per il mercatoTUTTO mercato WEB
© foto di Image Photo Agency
sabato 1 maggio 2010, 15:092010
di Antonio Gaito
fonte www.tuttonapoli.net

Navarro, Vitale, Bucchi, Amodio, Calaiò, De Zerbi, Contini, Datolo, Mannini, Zalayeta , Blasi e Pià. Sono ben dodici i giocatori che in qualche modo influenzeranno il mercato estivo del Napoli: torneranno a Castel Volturno solo momentaneamente, in attesa che venga trovata loro una nuova sistemazione. Per alcuni sarà più semplice, per altri meno. Altri ancora potrebbero diventare pedine di scambio da inserire in eventuali trattative di mercato. Bigon è stato bravo a piazzare alcuni di loro a gennaio, il ds azzurro dovrà ripetersi prima di poter iniziare la campagna acquisti: Mazzarri non accetterebbe di partire per il ritiro estivo con una rosa che superi i trenta elementi.

Navarro: rientrerà dal prestito secco al River Plate, le possibilità che resti in azzurro sono minime. In Argentina non è riuscito a ritagliarsi un ruolo importante, diventando la riserva di Vega, portiere titolare del River. Brutta gatta da pelare per Bigon.

Vitale: anche l'esterno sinistro di Castellammare di Stabia farà ritorno a Napoli dopo l'esperienza non certo esaltante vissuta questa stagione a Livorno, culminata con la retrocessione in serie B dei labronici. Per lui solo 19 presenze fino ad ora, e nessuna traccia eclatante lasciata in Toscana. E' giovane, e ha bisogno di giocare: non dovrebbe essere difficile trovare una squadra in cui possa crescere.

Bucchi: in prestito al Cesena, che sta lottando per un posto nei play off in serie B. Potrebbe rimanere alla società romagnola in caso di promozione in Serie A, altrimenti il Napoli dovrà cercare di sistemarlo altrove: è l'ultimo anno di contratto per lui.

Amodio: impiegato fino ad ora 14 volte dal Piacenza, tornerà a Napoli alla fine del campionato di Serie B. Ha altri due anni di contratto, anche in questo caso Bigon, insieme al procuratore D'ippolito, dovranno cercare una sistemazione diversa: non rientra nei piani di Mazzarri.

Calaiò: Napoli e Siena si ritroveranno alla fine del campionato per parlare dell'attaccante palermitano. Che in bianconero, quest'anno, ha avuto una discreta andatura, riuscendo a segnare fino ad ora sette reti, senza avere i galloni da titolare. Se il Napoli fosse interessato a Maccarone, come qualche spiffero di mercato racconta, potrebbe rientrare in un'eventuale trattativa.

De Zerbi: ha esordito proprio la scorsa settimana con la maglia dei romeni del Cluj dopo aver smaltito alcuni problemi fisici. E' molto stimato dal tecnico Mandorlini, non è peregrina un'ipotesi di rinnovo del prestito per l'anno prossimo.

Zalayeta: rifiutava la panchina a Napoli, ha finito per farla, in parte, anche a Bologna. Il suo destino è nelle mani di Juventus e Napoli, che lo detengono in comproprietà e dovranno decidere cosa fare a fine stagione.

Contini: il Real Saragozza ha il diritto di riscatto, dopo averlo rilevato in prestito a gennaio. Verrà riscattato se gli spagnoli riusciranno a rimanere in Liga.

Datolo: dopo un discreto inizio all'Olympiakos, con cui ha giocato anche gli ottavi di Champions League, è scivolato ai margini della squadra. I greci hanno il diritto di riscatto, ma non lo faranno valere. Tornerà a Napoli, e Mazzarri dovrà decidere sulle sue sorti. Potrebbe anche rimanere in azzurro.

Blasi: il centrocampista di Civitavecchia è in prestito al Palermo, dove però sia Zenga prima, che Delio Rossi poi non gli hanno concesso tanto spazio. Il Genoa è sulle sue tracce, si era vociferato di un inserimento del suo cartellino nella trattativa per portare Bocchetti in azzurro.

Pià: l'attaccante brasiliano è in prestito al Torino. La società granata ha il diritto di riscatto del cartellino, ma le sue prestazioni non hanno convinto. Fino ad ora, solo due reti messe a segno per lui. Vale il solito discorso: Bigon dovrà cercare di cederlo ad un'altra squadra, se non in via definitiva (il suo contratto è stato prolungato l'anno scorso), almeno di nuovo in prestito.