Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Nicchi: "Basta con i sospetti, gli arbitri fanno i miracoli"

Nicchi: "Basta con i sospetti, gli arbitri fanno i miracoli"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 8 febbraio 2010, 10:302010
di Antonio Vitiello

Il presidente dell'Aia Marcello Nicchi alza la voce e si scatena contro chi accusa gli arbitri di falsare i risultati del torneo: ''Basta con i sospetti. Gli arbitri stanno facendo miracoli in tutti i campi d'Italia. Si puo' dire che i direttori di gara siano scarsi e sbaglino. Ma non si puo' dire che abbiano preclusioni". Polemiche in particolare a Udine, dove il Napoli ha perso 3-1 nel match diretto da Antonio Damato. ''La giornata di ieri non ci ha lasciato del tutto soddisfatti. Sono capitati alcuni errori, ma parlerei comunque di normalità'', dice Nicchi a Radio Anch'io Sport.

''L'errore tutto italiano e' la mancanza di una critica serena. La critica diventa sospetto, questo e' il grande male del nostro calcio. Io non credo che Mazzarri abbia detto che 'era tutto scritto': sarebbe una cosa gravissima. Penso che, chi parla con giocatori e tecnici, debba riportare fedelmente le cose'', aggiunge Nicchi, che chiede maggiore collaborazione agli altri protagonisti del mondo del pallone. ''Quando capitano queste giornate, tutti i dirigenti devono dare segni di equilibrio e maturita'. Non vorrei che, dopo la tessera del tifoso, servisse anche quella del dirigente'', dice Nicchi, che si sofferma anche sull'atteggiamento dei calciatori. I giocatori ''dovrebbero collaborare e invece talvolta cercano di fregare l'arbitro''.