Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Palermo, Miccoli: "Arrivare quarti sarebbe come vincere il campionato"

Palermo, Miccoli: "Arrivare quarti sarebbe come vincere il campionato"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 12 febbraio 2010, 11:242010
di Redazione TMW.
fonte Stadionews.it

Il capitano del Palermo, Fabrizio Miccoli, è perfettamente calato nell'atmosfera del match contro la Roma ed ha rilasciato un intervista al quotidiano La Repubblica, riportata da Stadionews.it.
"Sarà una partita importante, una di quelle belle da giocare, affronteremo una grande squadra, davanti ad una bella cornice di pubblico. e importante anche per la posta in palio. Se noi giocatori guardiamo la classifica? Senza farci troppo caso sì, ma sappiamo che la cosa più importante è giocare partita dopo partita senza porsi obiettivi che potrebbero diventare troppo pesanti o addirittura fissazioni. Poi alla fine tireremo le somme sapendo che siamo in lotta con tante squadre forti come noi e alcune anche più forti di noi".

"Arrivare quarti sarebbe come vincere il campionato". Il capitano del Palermo, Fabrizio Miccoli, "tocca con mano" quello che è il sogno di tutti in casa rosanero: "Sarebbe il raggiungimento di un sogno sotto tutti i punti di vista. Dopo posso anche smettere... cioè potrei anche smettere ma solo dopo avere giocato la Champions per l'ennesima volta. Ma sarebbe un obiettivo importante anche andare in Europa League".

Nella Roma quasi certamente manvcherà il capitano Francesco Totti: "Quando incontri squadre come la Roma se cambia un giocatore non manca nulla. Mi dispiace che manchi proprio Francesco. Siamo amici ed è sempre un piacere incontrarlo. Per noi magari sarà anche un bene che Totti non ci sia, ma avrei preferito che fosse un'assenza per squalifica e non per infortunio. Gli auguro di tornare presto. Che tipo di rapporto ho con lui? Ci conosciamo da tanti anni, dai tempi della Nazionale. E' una bravissima persona e uno alla mano. Ho proprio un bel rapporto con lui".

L'attaccante rosanero ha dato un giudizio sui fischi che il brasiliano Simplicio ha ricevuto da una parte del pubblico sabato scorso al momento del suo ingresso in campo durante il match del "Barbera" contro il Parma.
"Simplicio è prima di tutto una brava persona e poi un bravo calciatore sono contento di avere diviso lo spogliatoio con lui per tre stagioni. Quelli erano più fischi per amarezza. La gente gli vuole bene, era un modo per dirgli: 'Mannaggia, ma perché vai via?' La gente vuole che rimanga. Fischi di 'incavolatura' più che di contestazione alla persona".

Prosegue la sua astinenza dal gol ma Miccoli non la vive come un assillo: "E' la verità quando dico che per me il gol non è un problema. Se serve posso anche lasciare il posto a Hernandez. Per il bene del Palermo farei di tutto. Preferisco che la squadra vada avanti piuttosto che segnare un gol. Sono contento lo stesso, come sabato quando ha segnato Simplcio. Ero felice come se avessi fatto gol io".