Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Palermo-Parma vista da Nevio Scala

Palermo-Parma vista da Nevio ScalaTUTTO mercato WEB
martedì 2 febbraio 2010, 15:342010
di Alessio Alaimo

"Di Parma ho ricordi molto belli, ricordo che abbiamo costruito una squadra che ha giocato in Italia e in Europa dando spettacolo, lasciando ai tifosi un grandissimo ricordo di quel periodo". Lo ha detto a Palermo24.net l'ex tecnico del Parma, Nevio Scala , che ha presentato per noi la partita di sabato tra i gialloblu e il Palermo di Delio Rossi, valida per la ventireesima giornata di campionato: "Ho visto un Palermo, nonostante la sconfitta di sabato, che con il nuovo allenatore sta producendo grandi risultati e ha ambizioni importanti - dice Scala - Il Parma ha un momento di difficoltà, certamente cercherà di cambiare questa situazione, anche se dovesse perdere di nuovo si aprirebbe una piccola crisi e sarebbe la conferma che le squadre di Guidolin nel periodo di gennaio e febbraio hanno difficoltà. Non credo questo, però la situazione parlerebbe chiaro".

Lei è un estimatore di Walter Zenga. Come mai, secondo lei, a Palermo non è riuscito ad ottenere risultati?
"Ho sostenuto Walter perché lo considero un ottimo allenatore, ma Delio Rossi ha grandi qualità e stiamo ammirando le sue capacità. Con Zenga la squadra ha subito qualche contraccolpo e questo ha determinato il suo allontanamento. Vanno fatti i complimenti a questo nuovo Palermo, anche se sono convinto che Delio Rossi, al di là delle sue grandissime doti, stia usufruendo anche del lavoro di Walter. Rossi è riuscito a far quadrare il cerchio, dando, alchimie tattiche a parte, grandi motivazioni. Credo che Rossi sia un grande motivatore, la psicologia e le motivazioni nel calcio sono molto importanti".

Questo Palermo, secondo lei, è da Champions?
"Il Palermo deve crederci. Se uno parte pensando di non arrivarci vuol dire che non è nelle condizioni di farcela, però il Palermo ha le carte in regola per ambire al quarto posto. La realtà del Palermo è una realtà molto importante, la rosa da ottimi risultati, può farcela, è un traguardo alla portata dei rosanero".

Qualche giorno fa abbiamo sentito Antonio Benarrivo. Ci ha detto che secondo lui, Cassani e Balzaretti sono quasi paragonabili alla coppia Benarrivo - Di Chiara. Che ne pensa?
"Benarrivo - Di Chiara hanno fatto la storia del Parma. Cassani e Balzaretti mi piacciono tantissimo, direi che il paragone ci può anche stare, ma è chiaro che sono tempi diversi ed è un calcio diverso. Essere paragonati a Benarrivo e Di Chiara deve essere un grande motivo d'orgoglio. Domenica ho visto Milan e Juventus criticando il fatto che non vengono sfruttate le corsie laterali, il segreto del Palermo sono le corsie laterali. A questi due giocatori vanno fatti i complimenti, sono bravi e interessanti. Credo che Lippi debba prenderli in considerazione".