Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Palermo, Sabatini fa il punto sul mercato

Palermo, Sabatini fa il punto sul mercato TUTTO mercato WEB
© foto di Federio De Luca
giovedì 20 maggio 2010, 17:202010
di Alessio Calfapietra

Intervista a tutto tondo del direttore sportivo del Palermo, Walter Sabatini, intercettato dai microfoni di "Mediagol". Primo argomento le riunioni di mercato tenute in questi giorni con Zamparini ed il tecnico Delio Rossi: "Se c'è qualche nodo da sciogliere? La prerogativa del Palermo è che non ci sono mai stati nodi o nodi da sciogliere perché c'è perfetta sintonia tra presidente, allenatore e direttore sportivo. Sappiamo quello che vogliamo e andremo avanti serenamente per la nostra strada. Cercheremo di fare le cose con il giusto buonsenso e, fra le altre cose, come tutti sapete, questo organico non sarà del tutto ribaltato, ma nella maggioranza dei componenti sarà confermato. Faremo poche cose, ma giuste".

"FUTURO KJAER NON DIPENDE DA NOI"

Walter Sabatini, si è poi soffermato sulla posizione di Simon Kjaer, pezzo pregiato del mosaico rosanero ambito da molte big del panorama calcistico europeo. "Il ragazzo sta crescendo tantissimo sotto il profilo umano e morale, oltre che tecnico. Disputerà a breve il prossimo mondiale con la sua Nazionale, ma il Palermo non temporeggia poiché non cerchiamo certo clienti per collocare altrove il giocatore". La clausola rescissoria di circa 12 milioni di euro, presente nel contratto che lega il gioiellino danese alla società rosanero, potrebbe allettare potenziali acquirenti, a tal proposito Sabatini chiarisce: "Abbiamo cercato di ridiscutere la clausola del giocatore, quindi di toglierla del tutto ma non si è trovata un'intesa, il suo entourage non era contento. Se il rifiuto può essere un segnale? Non so se è un indizio, noi siamo sereni. Il giocatore ha ottenuto una clausola in sede di negoziazione del contratto, il Palermo come sempre rispetta gli impegni, ma li rispetta con molta serenità. Saremmo veramente contenti di tenerlo ancora ma non dipende da noi, se Kjaer vorrà rimanere saremmo felici di questo, se lui non dovesse esercitare il diritto della clausola rescissoria il Palermo non lo cederà".

"Noi spettatori su Cavani, l'Inter..."

Altra possibile partenza eccellente nella prossima campagna trasferimenti in casa rosanero, potrebbe essere quella dell'attaccante uruguaiano Edinson Cavani, per il quale le sirene di mercato non mancano di certo sia in Italia che all'estero. A tal proposito si è espresso Walter Sabatini: "Sul giocatore ad oggi c'è l'interesse di qualche società ma non si è mai concretizzata una vera e propria offerta, stiamo un po' alla finestra valutando anche il suo stato d'animo, ma su di lui non stiamo facendo mercato, diciamo che noi in questa situazione siamo più spettatori che protagonisti. L'Inter? Credo che in un momento topico della sua storia recente l'Inter abbia altro a cui pensare che non a Cavani o Messi. Sicuramente parliamo di un giocatore molto seguito ma come ripeto non ci sono state proposte che abbiamo incassato come ufficiali, sapete che nel calcio le parole e gli spifferi contano poco. Il valore del suo cartellino è espresso nella clausola rescissoria che Zamparini ha fissato nel rinnovo contrattuale di Cavani, ovvero 25 milioni di euro, chi vuole il giocatore quindi deve attenersi a quella cifra sia in Italia che all'estero".

"MACCARONE FA AL CASO NOSTRO MA.."

L'assenza forzata di Fabrizio Miccoli nella prima parte della prossima stagione impone al Palermo l'acquisto di un'alternativa di livello nel reparto offensivo, secondo i primi rumors di mercato una pista possibile è quella che porta a Massimo Maccarone. Questo il pensiero del diesse Walter Sabatini sull'attaccante: "Negli ultimi anni Maccarone ha acquisito una maturità e consapevolezza nei propri mezzi sbalorditiva, indubbiamente il calciatore interesserà a diverse squadre. Noi sappiamo della sua intenzione di rimanere a Siena, nonostante la retrocessione, per onorare un patto morale che ha sottoscritto con questa società e lo rispettiamo, poi vedremo se sarà il caso di fare ulteriori passi. Ingaggio importante non è un problema? I salari dei giocatori sono sempre un problema perché vanno sempre gestiti con attenzione e Maccarone guadagna abbastanza, ma al di là di quello vedremo. Certamente è un calciatore che può essere funzionale al nostro progetto ma non è l'unica soluzione che abbiamo in mano, ce ne sono diverse altre che stiamo valutando con allenatore e presidente e poi alla fine decideremo".

"CASSANI-JUVE? NO CONTROPARTITE"

"Cassani-Juventus trattativa da sviluppare solo su basi economiche o ci sono contropartite interessanti? Intanto Cassani non è un giocatore sul mercato quindi stiamo facendo delle ipotesi che è al quanto improbabile possano realizzarsi e in ogni caso la Juventus per caratura dei propri calciatori e opulenza nel portafoglio non dispone certamente di giocatori acquisibili dal Palermo quindi non dovremmo tirar fuori situazioni suggestive da un punto di vista tecnico perché tanto lì non andremo a pescare sicuramente".

"SAMARAS E' FORTE, IN ITALIA..."

Sabatini ha poi parlato di Georgios Samaras, attaccante del Celtic e della Nazionale greca classe '85, accostato con insistenza al Palermo. "Se è un giocatore che può stare nel campionato italiano? Direi che può stare in qualsiasi campionato perché è un calciatore forte, ben strutturato e tecnico che tra le altre cose è già stato in campionati olandesi, inglesi e scozzesi quindi può stare a pieno titolo anche in campionati mediterranei o latini - ha dichiarato il dirigente del club di Viale del Fante - Se mi piace? Sì ma potrei fare un elenco di decine di giocatori che mi piacciono, questa è una cosa che non vuole dire moltissimo", ha concluso Sabatini.

"VICE LIVERANI NON SARA' CIGARINI"

Come alternativa a Fabio Liverani, il Palermo non pensa ad un big di pari livello ma ad un giovane da far crescere alle spalle dell'esperto regista. E' questo quanto emerso nel corso dell'intervista. "Non stiamo cercando un sostituto per caratteristiche di Liverani, quanto un sostituto di identità tattica anche perché andare a cercare per caratteristiche un'alternativa mi sembrava una cosa abbastanza improbabile considerando che Liverani nel suo genere è un giocatore raro se non unico - ha spiegato il ds rosanero - per questo cercheremo un giocatore con caratteristiche diverse, magari con qualche anno di meno rispetto a Fabio. Se può essere Cigarini l'alternativa a Liverani? No, non può essere il centrocampista del Napoli".

"RINNOVO LIVERANI? SE LUI VUOLE..."

Walter Sabatini ha affrontato anche il capitolo rinnovo di Fabio Liverani, il regista rosanero in scadenza di contratto il 30 maggio 2011: "Adesso è veramente presto per parlarne: Credo che il presidente si sia già espresso e tra le altre cose stiamo parlando di una scelta esclusiva che fece Zamparini a suo tempo. Fabio sta entrando in una stagione della sua vita calcistica molto delicata, insieme valuteremo le sue condizioni che sono comunque ottime per adesso. Non credo sia un problema da affrontare con estrema urgenza perché ci sarà tutto il tempo di farlo in avanti. Sicuramente, se lui avrà l'umore e la condizione per proseguire, la società non si sottrarrà nel tempo a proseguire questo rapporto".

"BRESCIANO? PRESTO PER L'ARABIA"

L'iniziale scelta di Mark Bresciano di seguire Walter Zenga in Arabia, ora forse oggetto di ripensamento da parte del centrocampista australiano, ha destato molto stupore. Sabatini esprime il suo pensiero a riguardo: "Bresciano in Arabia mi ha sorpreso? Io non credo che Bresciano abbia già firmato questo contratto, il ragazzo è prossimo ai Mondiali ancora nel pieno delle sue qualità psicofisiche, penso sia una scelta quantomeno discutibile. Se così fosse sarà una sua decisione. C'è una foto in cui firma il contratto? Non ho detto che non ha firmato, io dico che non ci credo, se voi mi parlate di prove di questo tipo ne prendo atto, del resto questa è una cosa che non ci riguarda molto, fatto salvo che gli auguriamo le migliori fortune poiché Mark è un ragazzo straordinario e durante la sua esperienza palermitana si è sempre comportato bene e ha sempre dato ottimi risultati in campo. Se cosi fosse sinceramente non credo sia una scelta giusta, alla sua età e con la sua condizione, penso possa ancora fare calcio ad alti livelli e sia un po' precoce come scelta ma non la contesto minimamente, ci mancherebbe".

"Lacrime coccodrillo Simplicio?Penso che.."

Walter Sabatini ha anche detto la sua sulle recenti dichiarazioni del presidente Zamparini che nei giorni scorsi aveva definito "lacrime di coccodrillo" quelle versate da Fabio Simplicio nel corso della conferenza stampa di addio. "Le ha definite così perché è rimasto rammaricato e deluso, ha voluto molto bene a questo ragazzo, ne vuole tuttora e si è sentito un po' tradito - sono state parole di effetto rabbioso, gli vuole molto bene, ha ricevuto tanto e ha anche dato tanto a Simplicio. A volte le storie finiscono con qualche parola di troppo ma non c'è vigore nelle sue parole".

"Marotta a Palermo? Zampa cercava altro"

Al termine dell'intervista rilasciata in esclusiva alla redazione di "Mediagol", il direttore sportivo rosanero Walter Sabatini ha anche commentato le parole di Beppe Marotta, neo direttore generale della Juventus, che ha dichiarato di aver rifiutato un'offerta del Palermo. "La cosa non mi fa nessun effetto in particolare perché in realtà devo dire che Zamparini mi aveva messo al corrente che stava cercando un collaboratore ma che si sarebbe dovuto occupare di tenere in ordine gli uffici - ha spiegato Sabatini - se poi questo collaboratore era stato identificato in Marotta sarebbe stato un onore lavorare con lui ma non credo che era quello il taglio che il presidente avrebbe desiderato".