Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

... Paolo Sammarco

... Paolo Sammarco
domenica 11 luglio 2010, 09:582010
di Barbara Carere

Hanno realizzato il loro sogno d'amore sposandosi, un mese fa, in un luogo suggestivo alle porte di Verona, città nella quale si sono conosciuti. Il centrocampista della Sampdoria Paolo Sammarco (27 anni) e la sua dolce metà Cristina Martini (28 anni) hanno trascorso momenti difficili dovuti al suo infortunio, ma fortunatamente con il matrimonio hanno cancellato quei momenti:"Ha rappresentato il giorno più bello della mia vita - confida Cristina - è stata una cerimonia intima e semplice rispecchiando le nostre personalità ma al tempo stesso molto bella e romantica facendoci così dimenticare i momenti difficili degli ultimi mesi dovuti al suo infortunio. Pirtroppo non siamo riusciti a fare il viaggio di nozze programmato per la Polinesia perché Paolo ha dovuto subire un intervento, ma la cosa importante è che ora sta bene e ci siamo proposti di
farlo presto".

Cristina svelaci come vi siete conosciuti.
"Nell'ottobre del 2006 a Verona quando lui militava nel Chievo. Ero in piazza con una mia amica mentre lui era con un amico in comune e così abbiamo consumato un aperitivo insieme e scambiato due chiacchiere".

E' stato amore a prima vista?
"No almeno da parte mia, però non scriverlo (ride,ndr). A dire il vero venivo da una storia lunga per cui ci sono andata molto cauta, però è stato bravo e ha saputo conquistarmi".

Che strategia ha usato?
"Nessuna, semplicemente è stato se stesso riservato, timido un vero e proprio gentleman".

Cosa ti ha fatto innamorare di lui?
"Mi ha colpito il suo attaccamento ai valori e alla famiglia. In questo mi somiglia molto".

Ricordi la proposta di matrimonio?

"Si è stato un momento magico, sono tornata dalla palestra e lui aveva preparato una cena per due a lume di candela. Credevo che volesse festeggiare il nostro anniversario di fidanzamento, non immaginavo che mi chiedesse di sposarlo. Così sulle note della nostra canzone (Costruire di Nicolò
Fabi) mi ha regalato l'anello come da tradizione e mi ha chiesto di diventare sua moglie, abbiamo riso e poi pianto dalla gioia è stato un momento magico".
Il ricordo più bel del giorno del tuo matrimonio qual è stato?
"Il momento dello scambio degli anelli e al taglio della torta quando davanti a tutti i presenti ci siamo detti ti amo in una romantica atmosfera".

Com'è Paolo Sammarco nel privato?
"Riservato, buono. Una persona tranquilla che ama le cose semplici".

Generalmente i calciatori amano fare dei tatuaggi, lui ne possiede qualcuno?
"No, non li ama particolarmente. Anch'io non ho fatto nessun tatuaggio".

Che musica ascolta prima di una partita importante per ricaricarsi?
"Musica leggera, in particolare due canzoni di Ligabue "Da Mario" e "Una vita da mediano", lo caricano molto specialmente l' ultima perché rispecchia il suo ruolo in campo".

Come trascorrete il tempo libero?
"Andiamo a cena con gli amici o andiamo al cinema".

In casa chi cucina?
"Io anche se devo ammettere che lui in casa mi aiuta molto".

Qual è il suo piatto preferito?
"Le crespelle, quelle che gli prepara rigorosamente sua nonna Lucia (crepès farcite al prosciutto e formaggio con la besciamella al forno)".

Quando vuoi prenderlo per la gola cosa gli cucini?
"Da buona veneta una pietanza tipica delle mie zone: Lesso con pearà e patate (spezzatino di manzo con brodo di gallina, parmigiano e pepe)".

C'è qualcosa che vorresti dire a tuo marito attraverso questa intervista?
"Sì, gli auguro di riprendersi al cento per cento dall'infortunio e di tornare a giocare per ottenere delle grandi soddisfazioni. Ha sofferto tanto ed io con lui, per cui gli auguro con tutto il mio amore di superare tutto come già sta facendo".

Cosa gli auguri per la sua carriera?
"Di alzare qualche coppa, so che è il suo desiderio, magari con la Sampdoria perché resteremo qui".

Per terminare Cristina, grazie per questa simpaticissima intervista e ora il tuo saluto ai lettori di TMW
"Grazie a te Barbara e saluto tutti i lettori di TMW con grandissima simpatia".