Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Pazzini e doppietta di Guberti: la Sampdoria travolge il Bari

Pazzini e doppietta di Guberti: la Sampdoria travolge il BariTUTTO mercato WEB
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
domenica 5 dicembre 2010, 18:102010
di Daiana Di Nuzzo

Dopo la delusione europea la Samp travolge il Bari. La squadra di Ventura, nonostante l'espulsione di Rossi e dello stesso allenatore biancorosso ha combattuto fino al fischio finale. La tenacia degli avversari è servita però a ben poco. La Samp intasca tre punti che fanno sempre comodo e raggiungea quota 23 punti l'Inter e la Roma.
La posizione del Bari a 10 punti si aggrava sempre di più.
In buona sostanza sono state le decisioni dell'arbitro Pierpaoli a decidere la partita, considerato che il rigore concesso alla Samp era dubbio(ma sostanzialmente è stato il guardalinee Rubino ad avere una buona visione sulla volontarietà del fallo di mano). Vero è che la Samp non ha demeritato, anzi: oltre al solito Pazzini che segna il suo sesto gol consencutivo, e alla splendida rete (la prima) di Guberti, oltre a capitan Palombo che non ne sbaglia una e a uno Ziegler che sa come si fa, nel bene e nel male, il reparto difensivo blucerchiato, Curci in testa, ha funzionato come un orologio.
Falcidiato dagli infortuni, il Bari di Giampiero Ventura si presenta a Genova con la speranza di approfittare di una Samp demoralizzata dall'uscita dall'Europa League. Mimmo Di Carlo recupera Pozzi ma lo relega in panchina, lasciando spazio a Pazzini e Marilungo; in difesa ci sono i giovani Volta e Cacciatore. Sull'altro fronte, Ventura fa di necessità virtù e si dedica agli esperimenti, con Rivas schierato in attacco al fianco di Rana.
La Samp inizia attaccando: iniziativa di Guberti sulla sinistra, cross verso il primo palo dove Pazzini è in leggero ritardo, blocca Gillet. Ancora al 5 pt Koman e ancora al 7' pt Guberti per Palombo. Il Bari comincia a metter fuori la testa al 10' ma la difesa blucerchiata non è d'accordo. Ma è al 15'pt che l'arbitro offre la chiave di lettura della partita.

Cross di Cacciatore intercettato da Rossi che pare colpire con la mano.
Immediata la reazione dell'assistente dell'arbitro e quindi di Pierpaoli che decreta il rigore trasformato con una gran botta a spiazzare Gillet da 'Pazzo' Pazzini.
Un episodio che condizionerà la gara. Rossi ammonito, la partita riprende ma è solo Samp. Al 32' uno scambio di 'cortesie' tra Curci e Rossi in area regala un cartellino giallo all'estremo difensore blucerchiato e rosso a Rossi (doppia ammonizione). Ventura sbotta: l'arbitro, sentito il quarto uomo, lo espelle tra gli applausi di solidarietà del Ferraris. Bari in 10,.
La Samp continua a martellare e solo un miracolo di Gillet consente al Bari di non subire un raddoppio già nel primo tempo: Guberti crossa a mezz'altezza dal lato corto di sinistra dell'area barese, una deviazione di Belmonte trasforma il passaggio in un tiro a rete, Gillet lo alza in corner.
La ripresa è ancora targata Samp: al 10' st Guberti, che ci aveva già provato, mette a segno una perla: destro a giro dal vertice sinistro dell'area barese, traiettoria splendida, nulla da fare per Gillet. L'ex barese non esulta ma dopo 6 minuti ci riprova e torna al gol, questa volta 'aiutato' da una deviazione di Gazzi che spiazza completamente l'estremo difensore biancorosso.
Sembra non esserci spazio pugliese, al Ferraris, anche grazie all'inserimento di uno spettacolare Mannini che rileva Koman assai affaticato. Al 37' Alvarez spreca un'occasione d'oro: Donati verticalizza per l'attaccante biancorosso, pallonetto morbido a scavalcare l'uscita di Curci, palla che sfila di un paio di metri oltre il palo lontano. Il resto è accademia.