Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Presentato Beretta: "Il Brescia non merita questa classifica"

Presentato Beretta: "Il Brescia non merita questa classifica"TUTTO mercato WEB
© foto di Giacomo Morini
martedì 7 dicembre 2010, 16:302010
di Ivan Cardia

A Brescia è la giornata di Mario Beretta, nuovo tecnico della squadra lombarda, subentrante all'esonerato Beppe Iachini e presentato oggi, che ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Sono un allenatore diverso da quello del Lumezzane (dove ha allenato nella stagione 98/99, ndr), categoria diversa e esperienza diversa. Era un altro campionato. Ricominciamo una nuova avventura in territorio bresciano sperando di avere miglior fortuna di Iachini, a cui va il mio saluto. Il Brescia non merita la classifica che ha, io porterò con il mio staff la mia esperienza. Obiettivo è rimanere in categoria, spero il prima possibile ma se questa arrivasse all'ultima giornata andrebbe bene lo stesso. Ricreare stimoli e entusiasmo è la priorità".


Nel corso della presentazione, anche il presidente Corioni ha chiarito le sue aspettative: "Non è un bel compito essere qui a presentare un nuovo allenatore. Se si allena il Brescia si deve sapere che se si è in serie B si deve andare in serie A, se si è in serie A si deve rimanere. Beppe Iachini è stato sfortunato ma è stato bravissimo. Le cose non andavano bene e abbiamo sopportato troppe sconfitte, ma il cambio era doveroso. Beretta non è mai retrocesso dalla A alla B, è giovane, ha entusiasmo ed è l'uomo scelto per salvarci. La prima domanda è stata: può il Brescia salvarsi? Lui ha subito detto di sì ed è stata apposta la firma sul contratto".