Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

SuperMario, nuovo incubo di Lippi

SuperMario, nuovo incubo di Lippi  TUTTO mercato WEB
sabato 13 febbraio 2010, 00:002010
di Gianluca Rossi

Immaginatevi Marcello Lippi sul lungomare di Viareggio pedalare finalmente sereno dopo che il tormentone Cassano si è improvvisamente chiuso per involuzione dello stesso Fantantonio. Immaginatevi ora il CT leggere su tutti i quotidiani della sparata di Supermario, che si sente pronto per gioire dopo un gol nella finale mondiale. Roba da restarci di stucco, perché adesso l'Italia anti-Lippi, perso Cassano, eleggerà proprio Balotelli a portabandiera dell'anti-lippismo e il CT tornerà a non aver pace. Oddio, c'è da dire che entrambi non sono proprio simpatici a tutti e quindi il fenomeno non dovrebbe assumere la rilevanza che ha avuto Cassano. Ora però qualche solida ragione per portare Balotelli in Sudafrica ci sarebbe pure: da più di 60 anni a questa parte nessun 19enne italiano ha segnato quanto SuperMario nostro. Al momento Balotelli è a quota 8 gol, accuratamente distribuiti tra campionato, Coppa Italia e Champions, segno che la cura Mourinho sta funzionando da dio, altro che convivenza forzata.

Mario a Parma ha fatto gol e nel finale si è pure sciroppato 80 metri in rientro a copertura di Maicon, come Mourinho comanda. In realtà il caso Balotelli esiste solo nelle aspirazioni degli anti-interisti e si annunciano tempi duri per Lippi. Se Mario continua così, sarà il suo incubo di qui al Mondiale. Intanto Samuel Eto'o ieri sera è volato a Palma de Maiorca per questioni private ed è rientrato a Milano dopo poco meno di tre ore. Stamane ad Appiano si è però presentato per primo e in perfetto orario. Da grande professionista.