Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

UFFICIALE: Manfredonia, si dimette il presidente Balzamo

UFFICIALE: Manfredonia, si dimette il presidente Balzamo
martedì 16 febbraio 2010, 15:182010
di Stefano Sica

Tramite un comunicato diramato questa mattina dal Manfredonia, il presidente del club sipontino, Michele Balzamo, ha reso noto di aver rassegnato le dimissioni dall'incarico. "Non nascondo - si legge - la soddisfazione ed il piacere nell'essere riuscito a fare in modo che ogni calciatore, dipendente e collaboratore del Manfredonia Calcio sia riuscito a percepire il dovuto entro il limite temporale, richiesto dall'articolo 85 delle N.O.I.F. (Norme Organizzative Interne Federali) nella parte riferita ai controlli sulla gestione economica finanziaria delle Leghe e delle Società professionistiche, del 31 dicembre 2009". Continua Balzamo: "Sono evidenti le problematiche nelle quali ci siamo imbattuti ed è, per certi versi, deludente constatare che a distanza di sette mesi non si sia riusciti a convogliare intorno alla nostra Società un interesse reale e concreto. Non voglio essere frainteso, non addito nessuno in particolare. Mi riferisco semplicemente al dato di fatto che in una categoria calcistica professionistica, allo stato attuale dello sport in Italia, è necessario coalizzarsi, cementificarsi, amalgamarsi con la squadra della propria città.

E' stato questo il mio intento ed è ciò che ho provato a fare prendendo le redini del Manfredonia Calcio nel luglio scorso, fiducioso di poter essere d'aiuto e desideroso di tramutare i propositi in fatti. Dalla mia avevo già una buona militanza nella dirigenza biancoceleste ma non nascondo quanto sia stato arduo entrare nell'ordine di idee della nuova carica che ero andato ad occupare. Ho ricevuto consensi, vicinanza, intenti e proposte ma tutto ciò è rimasto piuttosto aleatorio rendendo più difficoltoso, ma non per questo indesiderato, il mio ed il nostro lavoro. Mi sono prodigato come meglio ho potuto per garantire alla nostra città di continuare a far parte del panorama calcistico nazionale, oltretutto le scelte fatte in sede di calciomercato si sono rivelate proficue ed il bottino accumulato in questa prima parte di stagione rafforza la convinzione che il proposito iniziale di una tranquilla salvezza non è in alcun modo una chimera".