Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Varese, Ebagua: "Nove anni molto importanti per me quelli al Toro"

Varese, Ebagua: "Nove anni molto importanti per me quelli al Toro"TUTTO mercato WEB
© foto di Tommaso Sabino
mercoledì 15 dicembre 2010, 10:592010
di Redazione TMW.
fonte di Gianluca Sacchetto per Toronews.net

Nove anni nel settore giovanile del Toro prima che il fallimento lo costringesse a ripartire quasi daccapo, con tanta gavetta nelle categorie minori. Ma ora per Giulio Ebagua, attaccante italo-nigeriano del Varese, è arrivata la grande occasione per dimostrare a tutti il proprio valore, alla sua prima esperienza in serie B.

In esclusiva per Toro News, ha intervistato proprio lui, che ricorda con grande piacere l'esperienza in maglia granata: "Sono stati nove anni molto importanti per me quelli, ho un bel ricordo e il Toro lo porto sempre nel cuore. Mi ha permesso di crescere molto quell'esperienza".

Finita, da un giorno all'altro, per colpa del fallimento. A quel punto Ebagua si è affidato all'attuale team manager della società granata: "Ero un ragazzino e ho pensato di seguire Giacomo Ferri, che sarebbe andato a fare l'allenatore al Casale. Mi sono affidato a lui".

In maglia nerostellata Ebagua ha avuto poi a che fare con un tecnico emergente, che ora siede sulla panchina del Toro. Stiamo parlando ovviamente di Franco Lerda. In quella stagione il Casale vinse i playoff di serie D ma, nonostante ciò, non venne comunque ripescato in C2. "Si vedeva che sarebbe diventato un grande allenatore. In quella stagione mi ha aiutato, dandomi indizi importanti".

Poi il discorso si sposta sul presente. Nonostante una classifica da sogno e le tre vittorie consecutive del Varese, suo il gol del momentaneo uno a zero a Modena sabato scorso, Ebagua preferisce tenere i piedi ben saldi per terra: "E' vero che stiamo attraversando un periodo molto bello ma l'unica cosa da fare ora è pensare a salvarci. Solo una volta raggiunto quell'obiettivo, si potrà puntare ad altro". L'attaccante, potente ma al tempo stesso anche rapido sul terreno di gioco, ha ben chiaro anche cosa voglia a livello personale da questa stagione: "Spero di arrivare in doppia cifra il prima possibile".

Infine, si parla della lotta al vertice e se il Toro possa farcela ad ottenere per la promozione diretta: "Il Novara è sicuramente una grande sorpresa. Per meglio dire, noi che lo avevamo affrontato l'anno scorso in Lega Pro immaginavamo che avrebbe disputato una buona stagione, di alta classifica. Ma era difficile pronosticarlo al primo posto. E, sinceramente, credo che possa lottare fino alla fine per la promozione diretta, insieme a Siena e Atalanta. Il Toro? Mi sembra un po' inferiore a queste tre squadre. Ma arriverà ai playoff e lì potrà giocarsela alla grande per conquistare la serie A" conclude Ebagua.