Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Agroppi sull'Italia di Prandelli e attacca Lippi

Agroppi sull'Italia di Prandelli e attacca LippiTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 25 marzo 2011, 07:162011
di Redazione TMW.
fonte Radio Sportiva

Ai microfoni di Sportiva Aldo Agroppi ex allenatore e opinionista Radio Sportiva risponde alle domande, email e sms dei radioascoltatori:

SULL´ITALIA DI DOMANI CONTRO LA SLOVENIA:
Per dire che piace vediamola giocare, c´è da dire che il più bravo sta in panchina: Giuseppe Rossi. Il migliore è senz´altro lui, lo ha dimostrato con i gol fatti in stagione. Pazzini alla Fiorentina con Prandelli non giocava mai, adesso invece...come cambiano i tempi. Sicuramente non guarderò la partita. Lo schema? Non fatevi strane idee con i numeri, tutti vanno dietro ai moduli. Sono solo numeri, ci sono giocatori vincenti, un esempio: Boniperti mi diceva che era preoccupato quando la palla non finiva sui piedi di Platini ma di Bonini...
SULLE SCELTE DI PRANDELLI E SU CASSANO:
Certamente una formazione logica con un certo equilibrio la devi mettere in campo. La logica dice che dovrebbe giocare Pazzini-Giuseppe Rossi, invece giocherà Cassano. Purtroppo fenomeni non ce ne sono più in questa squadra e quindi si deve arrabattare. Comunque, io sono contrario al fatto che faccia giocare titolare Cassano. Purtroppo l´ Italia, sotto l´aspetto dei buoni giocatori, dei fenomeni, è povera.
SU MILITO:
Non scherziamo, non è un giocatore finito. Ha avuto una stagione disgraziata, ma sul valore del giocatore non si può discutere.
SU IBRAHIMOVIC E BALOTELLI:
Non capisco perché bisogna riportare in Italia Balotelli che non sopporto per la sua poca professionalità, il suo atteggiamento, il suo modo di vivere, vestirsi...Se continua così prima o poi non ci sarà più un allenatore che lo vorrà. Sotto questo aspetto non ho capito Mancini che lo ha voluto al City sapendo bene che tipo di persona era, quando invece poteva prendere un giocatore caratterialmente diverso. In questa situazione, sicuramente, ha più responsabilità Mancini di Balotelli.
SUL BARI:
Non ha più nessuna possibilità di salvarsi. L´ambiente si è deteriorato, le occasione sono state perse, non credo che ci sia nulla da fare.
SU PAOLO CANNAVARO:
In Nazionale ci è andato di tutto. Sono stati convocati giocatori come Diamanti e Candreva, giocatori con poche partite in Serie A e subito con la maglia azzurra. Ce lo spieghi il fenomeno di Prandelli come mai.
Cannavaro per il campionato che ha fatto poteva essere convocato, visto che poi è stato convocato Atzori.
SULLA VOGLIA DI ALLENARE DI LIPPI:
Lippi ha ancora voglia di allenare dopo quello che ha fatto? Dopo la figura che ha fatto? Ha fatto ridere il mondo, si nasconda. Faccia come ho fatto io, si ritiri, smetta.
SU FELIPE MELO:
Felipe Melo non è un bidone né un giocatore da 30 milioni come è stato pagato. Se la Juventus decide di cederlo a un prezzo abbordabile trova dieci squadre, dove accasarsi.