Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Cagni sul problema giovani in Italia

ESCLUSIVA TMW - Cagni sul problema giovani in ItaliaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
martedì 22 marzo 2011, 10:232011
di Gianluigi Longari
fonte Intervista di Raffaella Bon

Le parole di Prandelli riguardo il problema giovani del nostro calcio, hanno sollevato un argomento che sta interessando quasi tutti i principali esponenti del nostro calcio. Non fa eccezione il mister Luigi Cagni, che ha detto la sua in esclusiva ai microfoni di Tuttomercatoweb. "Purtroppo è la verità ed io lo dico da tempo, il problema è che la nostra mentalità è legata ai risultati. Se devi vincere e sei in agitazione per il risultato è chiaro che far esordire i giovani diventa dura. A volte però squadre improntate sulla linea verde riescono anche a far coincidere i risultati sul campo: guardate l'Empoli".

Che soluzione propone?
"Io ripristinerei la De Martino che c'era ai miei tempi, in cui si giocava il mercoledì tra quelli che non avevano giocato la domenica infortunati e giovani. Con l'Under 21 in B potrebbero nascere anche situazioni antipatiche legate ai contratti o ai risultati e alla classifica. Il problema è che noi oggi stiamo discutendo su come fare giocare i giovani, e già questo è ridicolo: dovrebbe essere la normalità. Guardate la Spagna, lì ci si basa molto sui giovani, però se perdi tirano fuori i fazzoletti bianchi, mentre in Italia se va bene ti rigano la macchina. Io avevo proposto anche tempo addietro di fare un campionato senza promozioni e retrocessioni ma con incentivi economici, un po' come avvenuto per la Nba. Però prima di tutto serve rifare gli stadi e la politica dovrebbe occuparsi di cose ben più importanti, al fine di permettere agli imprenditori, se hanno voglia, di investire".

© Riproduzione riservata