Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
esclusiva

Lierse, Notari: "Anno complesso, valuto il futuro"

ESCLUSIVA TMW - Lierse, Notari: "Anno complesso, valuto il futuro"TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Bursi
mercoledì 11 maggio 2011, 15:272011
di Matteo Bursi
L'ex difensore di Novara e Mantova: "Ora prendo in considerazione anche la possibilità di rientrare in Italia"

Il difensore del Lierse Mattia Notari (31) racconta in esclusiva ai nostri microfoni la sua stagione in Belgio, tra problematiche e prospettive future. Dopo una lunga esperienza a Mantova, il difensore comasco ha deciso di affrontare un'esperienza all'estero, che l'ha portato a sfiorare la qualificazione all'Europa League. CONTRATTO. Ora, con un contratto sino al 2013, possono aprirsi diverse strade nel futuro di Notari: "L'esperienza estera era un obiettivo che mi ero posto già qualche anno addietro - confida Notari. Dopo una carriera vissuta corpo e mente al servizio di una squadra e una città come Mantova che per me ha rappresentato tutto fino a un anno fa, mi immaginavo lontano in un'altra dimensione, utile al professionista ma anche all'uomo che ha intenzione di guardare a qualcosa di davvero nuovo e voglia di confrontarsi con realtà stimolanti. Da quì l'attesa e la scelta belga. Il Lierse - racconta Mattia Notari - ha avuto una stagione travagliata sui bassifondi della classifica ma culminata fortunatamente con la salvezza e la quasi possibilità di giocarsi l'Europa League attraverso un complesso meccanismo di spareggi. Abbiamo cambiato tre allenatori e siamo arrivati ad essere 40 giocatori in rosa. Purtroppo all'interno di questa cavalcata, dopo un inizio entusiasmante, ho visto precludermi la possibilità di dimostrare ulteriormente le mie qualità e ho passato gli ultimi tre mesi relegato a giocare nella squadra B. Fortunatamente ho potuto così mantenere l'abitudine al campo, ma allo stesso ho lottato per i miei diritti ed è così che, dopo aver consultato le federazioni europee per i diritti dei calciatori a Bruxelles in un meeting di inizio febbraio, ho ottenuto la possibilità di allenare le giovanili e fare da scout allo stesso tempo. Un anno di esperienze completamente nuove - rivela Notari - difficili perchè vissute lontane dalla mia terra ma assai importanti per il mio bagaglio culturale".

STAGIONE IN ARCHIVIO. "Sabato scorso con la sconfitta nel derby col Malines, si è conclusa la nostra stagione ed ho avuto modo di parlare approfonditamente con il presidente (l'imprenditore egiziano Maged Samy, ndr) che fortunatamente ha sempre onorato gli impegni presi anche economicamente ed abbiamo discusso del mio futuro. Ho ancora due anni di contratto - puntualizza Notari - (la scadenza è prevista per il giugno 2013, ndr) e mi ha proposto di valutare varie opzioni. In primis un reintegro dovuto al cambio di allenatore che presumibilmente ci sarà. A ruota mi ha offerto di lavorare per lui in altre vesti, scegliendo di allenare le giovanili o essere parte di un progetto che sviluppa la crescita dei campioni di domani in Africa. Mi sento integro e stimolato a giocare ancora a certi livelli e ho chiesto tempo per valutare la possibilità anche di rientrare in Italia. Già a gennaio c'erano stati alcuni contatti in tal senso ma ovviamente bisogna attendere il verdetto di fine campionato per la programmazione di alcune società. Ad oggi non escludo nulla - assicura Mattia Notari - se non il fatto di appendere prematuramente le scarpe al chiodo. Vorrei giocare e godermi le emozioni vissute da protagonista dentro il campo ancora per qualche anno, e credo che per ruolo e condizione psicofisica potrei farlo ancora decentetemente per un po'".

© Riproduzione riservata