Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Fabio Pecchia: "Juve, affascinante l'ipotesi Conte"

Fabio Pecchia: "Juve, affascinante l'ipotesi Conte"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
venerdì 13 maggio 2011, 07:032011
di Redazione TMW.
fonte Radio Sportiva

Il doppio ex di Napoli e Juventus Fabio Pecchia è intervenuto a Radio Sportiva: queste le sue dichiarazioni.

MAZZARRI - "I tifosi napoletani in questo momento pensano solo all´obiettivo della Champions senza preliminari, poi dopo si parlerà e ci sarà tutto il tempo di farlo. Sarebbe un peccato non arrivare terzi dopo una cavalcata trionfale, nessuno poteva immaginare una stagione così: a prescindere da come finirà Mazzarri ha fatto un grandissimo lavoro".

DE LAURENTIIS - "Il rischio di tornare indietro dopo l´expoit? Progredire vuol dire intanto creare una società stabile e forte come sta facendo De Laurentiis per poter competere con le grandi d´Europa: ma bisogna arrivarci per gradi senza farsi prendere dall´entusiasmo".

JUVENTUS - "All´inizio della stagione l´allenatore è la figura di base, il cardine, poi è il primo a saltare se le cose non vanno. Alla Juve serve un progetto sul mercato: trovare giocatori di un certo livello, i campioni che chiedono i tifosi, e dopo dargli tempo di crescere ed esprimersi".

CONTE - "Ha un passato diverso da Ferrara, che era alla prima esperienza in panchina. Antonio ha già esperienza, ha confermato il suo valore. Sarebbe affascinante per i tifosi vedere il loro ex capitano in panchina".

TOMMASI - "L´associazione deve fare il suo ruolo rendendosi conto che il calcio è cambiato rispetto a qualche anno fa e anche i giocatori devono fare la loro parte. Damiano darà continuità ma con un tocco di ringiovanimento che non fa mai male".