Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Fiorentina-Inter 1-2: le pagelle

Fiorentina-Inter 1-2: le pagelleTUTTO mercato WEB
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
giovedì 17 febbraio 2011, 07:332011
di Redazione TMW.
fonte firenzeviola.it - fcinter1908.it
pagelle a cura di Tommaso Loreto per firenzeviola.it e Gabriele Borgna per fcinter1908.it

FIORENTINA:

BORUC - Può fare poco sulla sfortunata deviazione di Camporese. Maicon lo grazia da dentro l'area di rigore poco prima dell'intervallo. Si salva, in qualche modo, sulla conclusione di Stankovic in apertura di secondo tempo, ma si deve arrendere sul tocco ravvicinato di Pazzini. Originale, 6.

COMOTTO - E' subito duello fra lui e Nagatomo che non disdegna la profondità. Lucido nel restituire un bel pallone a Montolivo. Decisivo su Stankovic sotto la Fiesole. Il migliore della difesa, 6.

GAMBERINI - Buona guardia in particolare su Pazzini per tutto l'arco del primo tempo. Al contrario è in ritardo sul tocco dell'ex viola che vale il nuovo vantaggio nerazzurro. Stregato dal "Pazzo", 5,5.

CAMPORESE - Oltre a Pazzini, anche il peso di un autogol in apertura dettato soprattutto dalla sfortuna. Tiene bene fino a quando però lo punta Eto'o, e lì son dolori. Il calcio dà, il calcio toglie, 5,5.

PASQUAL - Nella circostanza del gol nerazzurro è a battere il calcio d'angolo, ed Eto'o può tentare il tiro cross decisivo deviato da Camporese. Il gol arriva su un cross e con l'aiuto di Julio Cesar ma vale ugualmente un pareggio fondamentale. L'azione di Eto'o parte dalla sua fascia, ma fermare il camerunense non è uno scherzo, 6.

DONADEL - Tiene d'occhio Snejder e più in generale la linea mediana nerazzurra. Già di per sé un compito arduo, se manca precisione diventa tutto più difficile. Stretto nella morsa, 5,5.
Dal 27'st D'AGOSTINO - Il tempo è poco, e lui non riesce a incidere, s.v.

MONTOLIVO - Comincia aggredendo in mezzo al campo, prosegue liberando bene Gilardino in area di rigore. Altrettanto buona l'imbucata per Mutu. Nel momento migliore della sua squadra avrebbe anche il pallone buono come a Palermo, ma la difesa nerazzurra sventa in qualche modo. Nel secondo tempo si vede meno, e con lui la Fiorentina, ma la prova è più che positiva, 6,5.

BEHRAMI - Dirottato sul centrosinistra sembra pagare qualcosa soprattutto nella prima mezz'ora. L'agonismo comunque non viene mai meno, così come la gamba su ogni contrasto. Buono il tocco con cui libera Gilardino nella migliore occasione viola del secondo tempo. Meno dinamico, ma pur sempre utile alla causa, 6.
Dal 40'st BABACAR - S.v.

SANTANA - Una ventina di minuti per scaldarsi, trovare un paio di spunti interessanti, ma anche rimediare un colpaccio che lo manda ko. Sfiga, 6.
Dal 25'pt LJAJIC - Entra e calcia una punizione centrale neutralizzata da Julio Cesar. Più tardi ispira bene la manovra gigliata così come ottimo è l'assist per Gilardino sul finire di primo tempo. Comincia bene anche nella ripresa con un bel traversone per Behrami, poi duetta bene con Mutu ma spara alto sopra la traversa. Non fa rimpiangere Santana, 6,5.

MUTU - Il primo intervento di Julio Cesar arriva sul suo calcio di punizione. Sul tocco in profondità di Montolivo non è reattivo, e la sua conclusione è debole. Perde un paio di palloni e si arrabbia per il fallo che, però, non c'è. Sintomo di una condizione fisica inevitabilmente tutta da consolidare. Alla distanza, però, sale di tono e l'Inter soffre. Suo il via al contropiede più pericoloso dei suoi. Averlo fa tutta la differenza del mondo, 6,5.

GILARDINO - Cordoba lo anticipa dopo un bell'assist di Montolivo. Colpito duro intorno al quarto d'ora di gioco. Sul traversone di Pasqual il suo è comunque un movimento vincente. Alza troppo la mira su ottimo invito di Ljajic. Dopo 10' nel secondo tempo si ritrova a tu per tu per Julio Cesar ma perde il tempo per la conclusione vincente. E' un errore fatale, alla luce del gol di Pazzini, 5,5.

MIHAJLOVIC - Avvio più che promettente con la giusta pressione in mezzo al campo e grande voglia di pungere in attacco. Poi però, al primo contropiede, l'Inter passa e tutto diventa molto più complicato. Nel frattempo perde anche Santana per infortunio e richiama Ljajic. Ciò nonostante il pareggio viola ci sta tutto, e il primo tempo è di gran livello. A inizio ripresa la Fiorentina rischia in contropiede potrebbe passare, ma si ritrova trafitta dal grande ex. L'inter non si fa più sfuggire la gara di mano, e i suoi escono sconfitti da una gara giocata comunque quasi ad armi parma. E può uscire a testa alta dal confronto con Leonardo, 6,5.

INTER:

Julio Cesar 6: Poco impegnato, incolpevole sul cross-gol di Pasqual favorito dal velo involontario del duo Gilardino-Cordoba.

Maicon 6,5: Spinge ad intermittenza, mettendo in mezzo qualche cross non sfruttato. Spreca il colpo del 2-1 da buona posizione nel primo tempo. Più costante nella ripresa.

Ranocchia 7: La nota più positiva del match. Sicuro nelle chiusure, ha la tranquillità di un veterano. E' lui il leader della difesa in attesa di Lucio.

Cordoba 6: Una prova priva di sbavature, il colombiano reagisce in campo alla prova negativa di Torino. Non riesce a toccare la palla velenosa che porta al pareggio viola.

Nagatomo 5,5: Il ''piccolo tamagotchi'' patisce l'esordio da titolare. Non accelera quasi mai e spesso si trova fuori posizione, non supportando la fase d'attacco nerazzurra.

Zanetti 6: Il solito trattore, macina campo sia a centrocampo che negli ultimi 20' della ripresa giocati da terzino. Ordinaria amministrazione per il capitano.

Cambiasso 6: Sicuramente più a suo agio davanti alla difesa, distribuisce ordine e sradica palloni quando serve. Muscoli e sostanza al servizio della squadra.

Stankovic 6,5: Al rientro, è il migliore della linea mediana. Da una sua ripartenza nasce l'azione del primo gol. Cerca il tiro da fuori, impegnando Boruc in un paio di circostanze.

Sneijder 6: Dopo un primo tempo anonimo, offre segnali di vita nella ripresa, svariando tra le linee. E la manovra della squadra migliora con lui. Fuori per un problema all'inguine.

Eto'o 7: Anche lontano dall'area riesce ad esser decisivo. Da lui parte il cross che porta all'autogol viola. Poi spacca il match con l'assolo da destra, condito da assist, che porta ai 3 punti.

Pazzini 7: Come il re Mida, trasforma in oro il pallone arrivato dai piedi di Eto'o. Poche palle giocabili e tanto lavoro sporco per lui. Una prima punta di caratura internazionale.

Kharja 6: Entra al posto di Nagatomo ed esegue il compitino senza acuti.

Mariga sv

Obi sv

Leonardo 6: Bravo a conferire grinta nell'intervallo, ma c'è da lavorare sull'approccio alle partite. Con una squadra con diverse assenze e qualche uomo non al top, l'importante era vincere. E lui vi è riuscito ancora una volta.