Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Il Milan e l'alternativa a Boateng: prende quota la pista belga...

Il Milan e l'alternativa a Boateng: prende quota la pista belga...TUTTO mercato WEB
© foto di Roberto Gabriele
mercoledì 11 maggio 2011, 13:252011
di Raimondo De Magistris

Se parlate di lui ai tifosi dell'Anderlecht, state certi che il responso non sarà positivo. Colpa del suo temperamento sanguigno che lo porta a non tirare mai indietro la gamba e - in una circostanza - a compiere un intervento killer che costò al povero difensore Marcin Wasilewski la frattura esposta di tibia e perone. Nell'agosto del 2009 Alex Witsel fu squalificato per undici giornate - poi ridotte a otto - e sempre contro l'Anderlecht rimediò, un girone dopo, un nuovo cartellino rosso.
L'inizio di questa presentazione è tutt'altro che positiva eppure, dopo questa premessa poco incoraggiante, ecco presentarsi sotto i nostri occhi un giovane centrocampista classe '89 davvero interessante. Mediano completo, bravo in fase di interdizione e, al contempo, con spiccate doti offensive. Le stesse che spesso e volentieri lo portano a violare la porta avversaria, come accaduto nel 2008 quando, all'età di soli 19 anni, venne convocato per la prima volta nella nazionale maggiore belga e subito andò a segno. Era un'amichevole contro il Marocco e Witsel, già allora, era visto come uno dei più promettenti calciatore della Jupiler League.
Sempre in forza allo Standard Liegi, componeva in quel campionato la linea mediana dei Les Rouches con al suo fianco Stevan Defour - altro centrocampista interessantissimo molto seguito in Premier League - e Marouane Fellaini, giocatore che all'Everton ha trovato la meritata consacrazione. Finita la stagione nella primavera del 2008, Witsel venne premiato come miglior giovane del torneo.


Da allora un continuo andirivieni di osservatori. Agenti e direttori sportivi che hanno sistematicamente affollato gli spalti del Maurice Dufrasne. Questa sera, nella sfida contro il Lokeren, a monitorarlo ci sarà anche il Milan. Lui, per caratteristiche, sembra essere il sostituto ideale di Boateng e per questo la squadra rossonera da tempo decide di non perderlo di vista. E' nel mirino di mezza Europa: Liverpool, Manchester United, Fiorentina, Bayern Monaco, ma anche Manchester City, Hoffenheim e Genoa. Concorrenza importante quindi, per un calciatore dal valore di mercato non inferiore ai dieci milioni di euro. Il Milan però, lo diciamo da tempo, sarà a breve alle prese con una rivoluzione del centrocampo che non ha precedenti negli ultimi anni della storia rossonera. Witsel potrebbe far parte del nuovo ciclo...