Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, Ausilio: "Ecco dove interverremo...Sanchez? Ci piace"

Inter, Ausilio: "Ecco dove interverremo...Sanchez? Ci piace"TUTTO mercato WEB
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
giovedì 19 maggio 2011, 22:302011
di Riccardo Mancini
fonte inter.it

Intervenuto ai microfoni di Inter Channel, il ds nerazzurro, Piero Ausilio, ha affrontato l'argomento mercato. Partendo dal nome del tecnico del Porto, Villas Boas, fresco vincitore dell'Europa League: "Su Villas Boas non ci stiamo lavorando, ve lo assicuro. Comunque siamo davvero contenti di quello che sta facendo e gli facciamo i nostri complimenti".

Poi su Alexis Sanchez e gli altri possibili obiettivi: "Che ci piaccia come giocatore non è certo un mistero. Star qui a dire che non ci interessa o che non è un buon giocatore non corrisponderebbe al vero. Purtroppo, però, l'Udinese ha un'idea abbastanza onerosa di quanto valga, a ragione o a torto. È sicuramente un professionista che ha fatto bene, un giocatore con un mercato importante, richiesto da squadre straniere, quindi non so che cosa potrà accadere. Che l'Inter comunque abbia fatto dei passi importanti soprattutto a novembre o dicembre corrisponde alla realtà. Se potrebbe arrivare Tevez? Mi sembra molto complicato. Pastore? È fortissimo ma c'è il nostro Sneijder che è ancora più forte. Se resta Julio Cesar? È una delle certezze della nostra squadra. Il ritorno di Andreolli? È metà nostro e metà del Chievo, non so se a breve o a lungo termine ma potrebbe accadere che torni. Palacio? È stato avvicinato all'Inter più come conseguenza dei rapporto con il Genoa che nell'ultimo anno hanno portato all'Inter tre giocatori e qualche giovane al Genoa. Credo che probabilmente si è sentito parlare di lui più che altro per un collegarsi a questa situazione. Robben? Uno cui non piace Robben è da ricoverare, è fortissimo e piacerebbe a qualsiasi società. Cosa faranno Suazo e Obinna? Sono tutti e due in scadenza di contratto, quindi...".

Si passa poi a una rivelazione: "Il reparto su cui stiamo lavorando di più? Per un discorso di numeri, il centrocampo: manca un centrocampista che completi il reparto, non per forza un big ma magari anche un giovane di prospettiva. La difesa e l'attacco sono già stati sistemati a gennaio di quest'anno".

Ma qual è lo stile, il modo, con cui si fa mercato? "Quando parli di stile, noi abbiamo il nostro - risponde Ausilio -. Poi capita di prendere giocatori di cui si è sentito parlare da mesi e giocatori di cui non si è mai parlato. Però, potendo scegliere, noi preferiamo lavorare mantenendo un basso profilo. È più facile, ti permette di lavorare con più calma sulla situazione e spesso il silenzio ti permette anche di risparmiare qualcosa. Tutto quello che si dice e si scrive è comunque giustificato, non intendiamo mancare di rispetto a chi scrive o a chi va in televisione o a chi fa il suo lavoro di giornalista. Se noi non parliamo molto delle trattative, è solo perché ci sono dei vantaggi nel cercare di tenere fino alla fine nascosta una cosa".