Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inter, ecco la tabella scudetto

Inter, ecco la tabella scudettoTUTTO mercato WEB
© foto di ALBERTO LINGRIA/PHOTOVIEWS
martedì 1 marzo 2011, 14:032011
di Antonio Vitiello
di Federica Migliavacca per Sportitalia

Passi lunghi e ben distesi. E' questo l'imperativo morale categorico dell'Inter. Ad Appiano attendevano con curiosità ed anche un po' di apprensione l'esito di quella che per giorni tutti hanno decantato come la sfida scudetto. Verdetto amaro per il Napoli di Mazzarri, che resta bloccato ai cancelletti di partenza, a quota 52 punti, verdetto motivante per i nerazzurri, che ora dovranno prendere bene la rincorsa e partire all'inseguimento del Milan capolista. Il gap che separa la squadra di Leonardo dal primo posto è di soli cinque punti, una distanza certamente non insormontabile e che consente di tenere il passo del treno scudetto e di inserirsi di diritto nella lotta per il titolo. Da quando il tecnico brasiliano ha preso il posto di Rafa Benitez, l'Inter ha ingranato la quinta, passando da una media di 1,53 punti a partita a ben 2,5.

A onor del vero, va anche detto che il trend positivo targato Leonardo, è viziato dal basso numero di gare disputate, anche se, resta innegabile il fatto che da quando l'ex allenatore rossonero è salito al ponte di comando, la scialuppa nerazzurra non è più alla deriva. Dall'inizio della sua avventura ad oggi, Leo vanta 10 vittorie in campionato, 15 punti nelle ultime 6 partite, e un successo, quello strappato alla Samp, che gli ha consentito di superare persino il maestro Mourinho, che in due anni non è stato in grado di espugnare il Marassi blucerchiato. Numeri incoraggianti, soprattutto in ottica calendario. I prossimi tre impegni dei nerazzurri, Genoa in casa, Brescia in trasferta, e Lecce ancora in casa, almeno sulla carta, appaiono come pratiche di facile archiviazione. Se tutto procederà secondo i piani, il 3 aprile, a San Siro ci sarà la resa dei conti, un derby, che potrebbe diventare davvero una finale anticipata, se non altro, perché dopo la sconfitta del Napoli, qualcuno ne è già certo: adesso l'anti-Milan è ufficialmente l'Inter.