Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Inzaghi: "Allegri ha conquistato il gruppo, non come altri..."

Inzaghi: "Allegri ha conquistato il gruppo, non come altri..."TUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Fornasari
sabato 21 maggio 2011, 13:462011
di Pietro Mazzara

Ecco le dichirazioni rese da Filippo Inzaghi durante il programma radiofonico "Ventura Football Club", dove ha spaziato su vari argomenti:

- Sulla finale di Champions: "Io amo il Barcellona e sicuramente tiferò Barcellona e il bel calcio".

- Sul post carriera: "Se ci penso si. Se posso restare nel calcio e nel Milan sarebbe meglio. So che se volessi allenare il prossimo anno potrei farlo. Quello che mi piacerà fare dopo non ci voglio pensare. Mi spaventa allenare i ragazzini perché so come mi sono allenato io e vedere certe scene mi farebbero saltare i nervi".

- Sulle motivazioni che lo spingono a giocare ancora: "La motivazione mi arriva dalla gente. Uno stadio che chiama il tuo nome perché dopo sei mesi non vede l'ora di rivederti è tutto. Non so se tornerò come prima e l'affetto che riscontro ogni giorno mi da la forza. L'infortunio va accettato".

- Su Leo: "Leonardo ha sbagliato nei rapporti umani. Ha fatto il contrario di Allegri ma non parliamo del passato. Adesso abbiamo un allenatore bravo, abbiamo vinto lo scudetto e adesso dobbiamo tornare a fare bene in Europa come ha detto la società".

- Sull'allenatore al quale è più legato: "L'allenatore al quale sono più legato è Ancelotti. Abbiamo vinto tantissimo insieme ma tutti gli allenatori che ho avuto mi han dato qualcosa e anche Allegri. Il mister ha avuto il grande pregio di entrare in punta di piedi nello spogliatoio conquistandosi la fiducia dei giocatori, facendo delle scelte e portandole avanti. La cosa più importante che ha fatto è stato quello di conquistare i giocatori che poi ti porta a vincere qualcosa"

- Sulla doppietta al Real: "La doppietta al Real è stato bellissima ed è stato emozionante risentire la radiocronaca di quella serata che è stata bellissima, ho battuto van Basten a San Siro con lo stadio che mi acclamava. Peccato che una settimana dopo mi son rotto il ginocchio. Mourinho mi è venuto ad abbracciare per il mio record e dopo l'infortunio si è sempre interessato su come stava andando il recupero ed è stato un bel gesto nonostante non lo abbia mai avuto come allenatore"