Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, Marotta su Del Piero: "Speriamo rinnovi quanto prima"

Juve, Marotta su Del Piero: "Speriamo rinnovi quanto prima"TUTTO mercato WEB
© foto di Carmelo Imbesi/Image Sport
lunedì 7 febbraio 2011, 12:002011
di Antonio Vitiello

La Juventus, per storia e blasone, ha il dovere di puntare sempre in alto. Ma in questo momento la capacità di investire di Inter e Milan fa la differenza. Un gap che i bianconeri sono convinti di colmare con il costruendo stadio di proprietà, il primo di un club italiano. Se n'é detto convinto il direttore generale della Juve, Giuseppe Marotta, ospite di 'Radio anch'io Sport'. "Sarà la casa della Juventus - ha detto il dirigente -, portando sicurezza ed ospitalità. Un asset fondamentale, in cui abbiamo investito molto e che darà i suoi frutti in futuro, permettendo ricavi ora impensabili. Parlo di decine di milioni di euro. E certamente la società dedicherà una fetta importante di questi introiti ad investimenti sui giocatori".
Un'arma in più a disposizione dal prossimo torneo.

In cui la Juventus spera di avere ancora 'l'armà Del Piero: "La porta per il rinnovo del suo contratto è sempre aperta, speriamo di arrivarci quanto prima e continuare con lui. Ci piacerebbe che potesse calcare il prato del nuovo stadio, dove certamente giocheremo dal prossimo campionato".
I risultati recenti descrivono una squadra in ripresa.
"Nell'ultimo periodo - ha spiegato Marotta - siamo stati afflitti da diversi infortuni, abbiamo perso tre attaccanti in sette giorni. Prima venivamo da 18 risultati utili consecutivi.
Non eravamo fenomeni allora, non siamo diventati brocchi poi".
L'arrivo di Matri ha senz'altro dato spessore all'attacco: "E' uno dei giovani più importanti del vivaio italiano, con Pazzini e qualcun altro. Siamo contenti di aver puntato su di lui. Ha già realizzato 13 reti tra Cagliari e Juve".