Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juve, segnali di ripresa

Juve, segnali di ripresaTUTTO mercato WEB
© foto di PHOTOVIEWS
martedì 22 marzo 2011, 15:152011
di Antonio Vitiello
di Luca Gregorio per Sportitalia

Dire che la Juve è guarita è ancora prematuro, ma il periodo buio, almeno, si è interrotto. La vittoria sul Brescia ha ridato parziale fiducia ed entusiasmo a spogliatoio e tifosi e soprattutto ha regalato un pizzico di tranquillità a Gigi Delneri, che avrà ora due settimane per preparare la delicata trasferta di Roma contro i giallorossi. Una partita che metterà di fronte, per l'ennesima volta, le due bandiere di queste due squadre, Alex Del Piero e Francesco Totti, protagonisti indiscussi dell'ultima domenica. La gara dell'Olimpico promette di avere un peso specifico enorme per i bianconeri, a caccia perlomeno di un piazzamento nella prossima Europa League: i 5 punti di distacco dai capitolini, con 8 partite da giocare, non sono pochi, ma lo scontro-diretto sarà lo spartiacque cruciale per capire se il margine si dilaterà, rimarrà invariato o si ridurrà a sole 2 lunghezze. Il calendario della Juve, inoltre, non è dei più agevoli: da qui alla fine i bianconeri giocheranno in casa contro Genoa, Catania, chievo e Napoli, mentre lontano da Torino dovranno vedersela con Roma, Fiorentina, Lazio e parma.

Il cammino esterno è senza dubbio pieno di insidie, mentre quello interno appare sulla carta più morbido, anche se la Juve è la squadra che ha subito più gol in casa (23) e ha vinto solo 7 volte su 15 davanti al proprio pubblico. Juve-Napoli all'ultima giornata rappresenta una chiusura col botto, ma potrebbe anche non valere più nulla in termini di classifica a seconda dell'andamento di questo ultimo spicchio di stagione. Le notizie migliori per Delneri, aldilà dell'eterno Del Piero, vengono dal recupero di brillantezza di Krasic (tornato a segnare dopo 3 mesi) e di Aquilani, anche se in difesa le sbavature sono ancora troppe e troppo preoccupanti. Salvare il minimo sindacale rimane dunque impresa ardua, ma il peso di questa maglia impone impegno e sudore fino all'ultimo minuto dell'ultima giornata...