Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Juventus: una crisi infinita

Juventus: una crisi infinitaTUTTO mercato WEB
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
venerdì 4 febbraio 2011, 06:212011
di Redazione TMW.
fonte di Mauro Blasi per qsvs.it

Un'altra, desolante, sconfitta, è arrivata per la Juve mercoledì sera al Barbera contro il Palermo. La reazione d'orgoglio, dopo i due colpi mortali assestati da Miccoli e Migliaccio nei primi 20 minuti, materializzata col gol di Marchisio, non è bastata. E allora viene naturale rispolverare il parallelo con la sciagurata stagione passata. i punti sono infatti 35, proprio come la Juve del tandem Ferrara-Zaccheroni, quella che faceva tremare anche il più ottimista dei tifosi. Questi i numeri della crisi di quest'anno: i bianconeri sono al terzo ko di fila, considerando anche lo 0-2 di Coppa Italia contro la Roma; nelle ultime 5 partite di campionato ha raccolto solamente un misero bottino di 4 punti, collezionando 3 pesanti disfatte contro Napoli, Udinese e Palermo, incassando 8 reti e segnandone la metà. E in classifica la Vecchia Signora occupa un mortificante ottavo posto. Se non è crisi questa.

Questo ciclo terribile potrebbe improvvisamente interrompersi oppure aggravarsi in maniera irreversibile: in caso di sconfitta a Cagliari, i sardi la raggiungerebbero in classifica, contro l'Inter in casa un ko sarebbe da de profundis totale. Chiuso il mercato, ormai il compito di rattoppare le falle spetta solo a Delneri, che parla di terzo o secondo posto possibile, ma di questo passo il maggior rischio è che a crederci sia solo lui.