Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Luca Calamai su futuro Juve, rinnovi Milan, Napoli ed Elkann

Luca Calamai su futuro Juve, rinnovi Milan, Napoli ed ElkannTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
domenica 15 maggio 2011, 15:512011
di Redazione TMW.
fonte Radio sportiva

Il vicedirettore della Gazzetta dello Sport Luca Calamai risponde in diretta a Radio Sportiva alle domand degli ascoltatori.

FESTA MILAN - "E´ stata una bellissima festa, con passione e ironia ma senza veleni. I tifosi avevano tanta voglia di questo scudetto, avere delle alternative serve anche al calcio, il dominio Inter aveva tolto un po´ di passione nelle altre piazze. Il Milan è già avanti sul mercato con Mexes e Taiwo che sono due giocatori di caratura internazionale. Altri colpi? Serve un grande centrocampista e un attaccante per puntare di nuovo alla Champions: Cassano è quasi un lusso, serve un´alternativa a Ibra".

NODI JUVENTUS - "Marotta ha fatto il miracolo di rendere la Juve di nuovo competitiva ma di scelte ne ha azzeccate poche. Non crocifiggerei Chiellini, un grande giocatore che ha pagato l´annata disastrosa di tutta la difesa. Villas Boas? E´ ambizioso e divertente, ma ci ho parlato e mi ha detto che non è l´allenatore ideale per il calcio italiano. Vista la clausola di 15 milioni non verrà alla Juve nè in Italia".

CASO GATTUSO - "Tutti hanno capito che ha fatto una sciocchezza: un grande uomo ha la capacità di ammettere quando sbaglia, mi aspetto le sue scuse a Leonardo anche in privato perchè lui è un grande uomo".

RINNOVI MILAN - "Pirlo tatticamente ha poco da dare a questo Milan,sarà un sacrificio doloroso ma inevitabile. Pato ha ancora margini spaventosi, sarà il cetravanti del futuro del Milan. Abate è una delle rivelazioni di questo scudetto, Allegri va elogiato perhè oltre a vincere ha fatto crescere lui, Boateng che era un´incognita e anche altri".

SANCHEZ-NAPOLI - "Me lo auguro, farebbe impazzire Napoli e starebbe benissimo nel quadrilatero in avanti. Sarebbe perfetto, però costa una montagna di soldi e il Napoli non mi pare abbia la volontà economica di un´operazione così. Però De Laurentiis è chiamato a far fare alla squadra un salto di qualità: passare da squadra da quarto posto a lottare per lo scudetto richiede milioni e milioni di euro, ma Napoli se lo merita".

PARMA - "Mi aspettavo molto di più a inizio stagione: Ghirardi è uno dei presidenti migliori d´Italia. Ha fatto però una squadra sbagliata e le scelte successive hanno raddrizzato la situazione. In futuro serviranno scelte più corrette".

PREMI CLASSIFICA - "Ci sono già per cercar di evitare che le squadre senza più obiettivi non si impegnino. Fatta salva l´onestà, le squadre staccano la spina: non è del tutto corretto ma è umano dopo dieci mesi di lavoro e tensione, così è lo sport, non c´è niente da fare".

CATANIA MANGIA-ALLENATORI- "Lo Monaco è un ds molto ´allenatore´: quando ci sono queste figure in società, il ruolo del tecnico diventa difficile da interpretare. Detto questo il Catania è un miracolo sportivo per quello che fa tutti gli anni: merita un grande applauso".

ELKANN - "Parole sorprendenti ma poi subito corrette. Fossi un tifoso della Juve avrei mostrato più entusismo per l´investimento da 120 milioni: questo è lo stile Juve, non abbandonare i giocatori buttandoli dalla scialuppa".

DIRITTI TV - "Il boicottaggio? Non succederà niente, sono battaglie sindacali. Siamo però in un passaggio delicato per il nostro calcio: le grandi soffrono la differenza fiscale con la Spagna ad esempio, ma la bellezza della Serie A sta nel suo rimettersi sempre in gioco ogni domenica ovunque. Servono più risorse, bisogna per prima cosa riportare più gente agli stadi".