Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Milan, Galliani: "Ci sono ancora dieci partite, 30 punti in palio"

Milan, Galliani: "Ci sono ancora dieci partite, 30 punti in palio"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 7 marzo 2011, 09:492011
di Redazione TMW.
fonte Acmilan.com

Durante la trasmissione di Rai 2 La Domenica Sportiva, l'amministratore delegato del Milan Adriano Galliani ha rilasciato alcune dichiarazioni, riportate dal sito ufficiale dei rossoneri.

Riguardo a Mister Allegri: "Quando si cambia allenatore si cambia pelle perchè gli stili di gioco e le tattiche le fanno gli allenatori e Allegri ha voluto questo tipo di squadra. E' stato molto bravo perchè ad esempio noi pensavamo che Boateng fosse un mediano o una mezz'ala sinistra, mentre lui l'ha inventato trequartista; ha inventato trequartista anche Robinho che è sempre stato seconda punta; ha spostato per la prima volta Pirlo da playmaker davanti alla difesa addirittura ad esterno sinistro. Mi sembra che Allegri stia facendo molto bene e che sia molto duttile."

Sulle prossime partite che attendono il Milan in campionato: "Era fondamentale vincere con la Juve. Ci aspettavamo che l'Inter oggi vincesse e quindi volevamo matenere questo nostro vantaggio che adesso dobbiamo mantenere anche nelle prossie due partite perchè abbiamo il Bari domenica e poi andiamo a Palermo e fra due domeniche il Palermo sarà una squadra diversa da ora; poi è un campo in cui tradizionalmente facciamo pochi punti in questi anni, quindi dobbiamo stare molto attenti."

"Il calendario non conta, conta come sta una squadra. Ci sono ancora dieci partite, 30 punti in palio. Credo che il Derby sarà impostantissimo, ma non sarà la partita che deciderà lo scudetto perchè ci sono tanti altri punti e tante altre gare."

La sua soddisfazione per gli arrivi rossoneri di quest'estate: "Quest'anno abbiamo puntato su Ibrahimovic per la forza del giocatore, per la forza che da agli altri e per il suo animo da guerriero. Non è un caso che vince gli scudetti sul campo da 8 anni in varie nazioni e quindi è veramente un giocatore che da coraggio a tutta la squadra. Anche quando non è in un momento brillantissimo il suo apporto alla squadra è sempre fondamentale. Siamo contenti di Ibra, siamo contenti di Boateng e più in generale dei giocatori che sono arrivati quest'estate. Le campagne acquisti in alcuni anni sono più fortunate, in altri meno. Anche Yepes è arrivato a parametro zero e quando ha dovuto giocare lo ha fatto bene. Direi che siamo soddisfatti di come stanno andando le cose per le prime 28 partite."