Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Napoli, la sconfitta di San Siro non ridimensiona il progetto societario

Napoli, la sconfitta di  San Siro non ridimensiona il progetto societarioTUTTO mercato WEB
© foto di Image Photo Agency
martedì 1 marzo 2011, 15:202011
di Vincenzo Vitiello

"Di solito non parlo degli arbitraggi, ma questa teoria del 'ci può stare' non va proprio bene. Fuorigiochi dubbi, il rigore l'avete visto tutti. Sicuramente il Milan ha una grande squadra, però gli episodi fanno male. Nel primo tempo ce la stavamo giocando. Noi, comunque, abbiamo la pellaccia dura, ci rimettiamo al lavoro e pensiamo al Brescia. Dobbiamo fare più punti possibili per arrivare in alto secondo le nostre forze". Riccardo Bigon, come riportato da Radio Marte, non fa drammi e non è il caso di esasperare la situazione considerando che il campionato che sta conducendo il Napoli è al di sopra di ogni rosea aspettativa. Il reale ma non dichiarato obiettivo della società partenopea è la conquista di un posto valido all'accesso alla Champions League. Un traguardo che, se raggiunto, testimonierebbe la costante crescita del club.

"Comunque sapremo reagire, andremo avanti. Voglio ringraziare la gente che ieri ci ha sostenuto: il calore dei tifosi è stato incredibile. L'aspetto mentale fa parte della fatica. I calciatori abituati arrivano alla partita importante senza battere ciglio, questo fa parte della crescita. I nostri hanno imparato e la prossima volta saranno avvantaggiati su questo aspetto". Prosegue Bigon ed il Napoli, tutte le volte che è inciampato in una battuta di arresto, si è subito prontamente rialzato. Il popolo partenopeo è tranquillo e fiducioso in una ripresa del cammino della propria squadra verso l'obiettivo che conta.
Cavani e compagni avranno tutto il tempo per dimostrare ai più scettici che per il Napoli la sfida scudetto di San Siro rappresenta solo un punto di partenza. Altre importanti sfide attendono la compagine napoletana in questo torneo ed in un prossimo futuro. La seria programmazione, effettuata da De Laurentiis, unita al sano bilancio societario sono garanzie imprescindibili per un club che ambisce ad un posto al sole nello scenario del calcio nazionale ed europeo.
Nel frattempo che il Napoli cresca sotto tutti i profili, le big del massimo torneo nazionale hanno potuto osservare una nuova realtà del mondo del pallone e la sconfitta di Milano contro una squadra rossonera molto motivata e determinata a conservare la leadership nel campionato di serie A, ci può stare. I calciatori azzurri hanno potuto trarre una notevole esperienza dall'opaca prestazione fornita nella "Scala" del calcio, luogo in cui, ancora, avvertono timidezza al cospetto delle titolate squadri milanesi infatti, a San Siro, i giocatori del Napoli non riescono ad esprimere il bel gioco praticato in altre circostanze.

In attesa che l'organico venga, opportunamente, rafforzato nella prossima campagna acquisti estiva, Bigon afferma: "Siamo tutti uniti. Ora pensiamo al Brescia, giocheranno con la difesa a cinque e proveranno a chiudere tutti gli spazi. Abbiamo bisogno della spinta del pubblico". Il pubblico ha capito e sarà, certamente, vicino al Napoli per essere testimone di questa importantissima e necessaria fase di maturazione e, conseguente, di crescita della squadra napoletana.