Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Pastore non basta: poker Fiorentina, Mihajlovic salva la panchina

Pastore non basta: poker Fiorentina, Mihajlovic salva la panchinaTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
domenica 13 febbraio 2011, 14:302011
di Andrea Losapio

Bello, bellissimo, ma incompiuto. Il Palermo non riesce a vincere nel lunch match del Barbera e, anzi, non raccoglie nemmeno un punto fra le mura amiche. I rosanero incantano, dominano per ampi tratti del match, ma ballano in difesa. Nel primo tempo Sirigu riesce a limitare gli attaccanti viola, con Gilardino che trae beneficio dalla presenza di Mutu sin dai primi minuti.
E' però il Palermo ad andare in vantaggio, grazie anche alla connection Ilicic-Pastore: lo sloveno assiste El Flaco, che da dentro l'area spedisce in fondo al sacco. Il Palermo ha i tempi per affondare, ma la Fiorentina è sempre pericolosa: Gilardino, nel giro di un minuto, ha la possibilità di affrontare due volte Sirigu in uno contro uno. Il centravanti si fa però ipnotizzare dal portiere rosanero, che esce vittorioso in entrambe le occasioni. Cosa che non succede quando Behrami regala un cucchiaio sontuoso per Gilardino, che di testa pareggia i conti.


Il secondo tempo inizia con la grande azione di Miccoli, che a destra affonda e serve al centro Nocerino, che prende il tempo a Comotto e riporta i rosanero in avanti. Il gol ha due effetti: il primo è quello di dare fiducia al Palermo, che si permette di divertire e giocare di fino, affondando e andando vicino al gol più volte, mentre la Fiorentina si scopre e lascia il fianco ai contropiede siciliani. Ilicic e Nocerino avrebbero le occasioni per chiudere il match, ma dietro la difesa balla, come nel primo tempo.
Su un calcio d'angolo arriva il gol che non t'aspetti: Camporese, colpevolmente dimenticato in mezzo all'area, sigla la sua prima segnatura in Serie A. Anche qui il gol ha due effetti: il Palermo si sgonfia, sale in cattedra Ljajic, appena entrato. Montolivo fa le prove generali del gol con un palo spaventoso, poi è lo slavo a sfondare sulla sinistra e mettere in mezzo: Bovo, sciaguratamente, anticipa Gilardino e batte Sirigu. Stavolta di effetti non ce ne sono, e Ljajic sfonda ancora, mette in mezzo per l'accorrente Montolivo che la piazza all'angolino. Amaro in bocca per il Palermo, con Hernandez che aumenta i rimpianti con un tiro al fulmicotone che fa tremare la traversa.