Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Serie A, il Giudice grazia Matuzalem e punisce Ibrahimovic

Serie A, il Giudice grazia Matuzalem e punisce Ibrahimovic TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 14 marzo 2011, 17:592011
di Stefano Sica

Mannaia del Giudice sportivo su Zlatan Ibrahimovic. Il fantasista del Milan è stato infatti squalificato per tre giornate dopo l'espulsione rimediata ieri nell'anticipo col Bari per una manata rifilata a Rossi.
Nessun provvedimento, invece, per il brasiliano della Lazio, Matuzalem, in relazione alla presunta condotta violenta nei confronti di Francesco Totti durante il derby di ieri con la Roma. Il Giudice ha osservato che "il calciatore laziale lo scavalcava con l'evidente intento di raggiungere il pallone ad un paio di metri di distanza e, nel compiere tale movimento, con il piede sinistro colpiva di striscio la guancia destra dell'antagonista, senza conseguenze lesive. L'Arbitro non adottava alcun provvedimento disciplinare, precisando al riguardo, con mail pervenuta alle ore 15,59 odierne su richiesta di questo Ufficio, "non avendo visto e rilevato nulla, chiedevo, via auricolare, al mio IV ufficiale di gara sig.

Antonio Damato cosa fosse successo e lui mi riferiva che Matuzalem, involontariamente, prendeva sul viso Totti con un piede". Effettivamente il gesto compiuto dal calciatore laziale, di accentuata potenzialità lesiva per l'energia impressa nell'appoggiare il piede al suolo, non consente di esprimere, nell'esclusione di ogni ragionevole dubbio, un giudizio certo circa l'intenzionalità lesiva, che connota la "condotta violenta". La dinamica del movimento, nella concitazione dell'iniziale contrasto e del successivo "scavalcamento" del copro al suolo per raggiungere il pallone, può suffragare in egual misura contrastanti valutazioni circa l'effettiva volontà di calpestare il volto dell'avversario. E in dubio pro reo".