Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Sportitalia - Delio, hai vinto comunque

Sportitalia - Delio, hai vinto comunque TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
mercoledì 2 marzo 2011, 15:242011
di Redazione TMW
di Matteo Ronchetti per Sportitalia

Modi sommessi, poche parole e schiena dritta. Anche nel giorno dell'addio a Palermo e al Palermo. Delio Rossi non si tradisce nemmeno quando l'amarezza potrebbe prendere il sopravvento. Neanche uno stoccata riservata a Maurizio Zamparini che tempo fa lo aveva incoronato come il miglior tecnico mai avuto, salvo poi silurarlo all'indomani del pesante ko con l'Udinese. Prendere sette gol in casa e andarsene fra gli applausi e i cori dei tifosi. Anche questo è un piccolo capolavoro che però qualcosa vorrà pur dire. Evidentemente, i modi, il lavoro e il calcio mostrato dal tecnico romagnolo hanno attecchito più di mille titoli e riconoscimenti. Il palmares personale langue: la Coppa Italia vinta nel 2009 con la Lazio rappresenta infatti il momento più alto della sua carriera.

Il quinto sigillo della formazione biancoceleste in questa competizione, oscura anche il terzo posto ottenuto nel 2007 sempre con gli aquilotti. Squadra - quella - ben distante per valori tecnici da quella attuale. Ma memorabile fu anche il suo tuffo nella fontana del Giannicolo dopo un derby vinto con la Roma, o la cavalcata record del '98 con la Salernitana che gli valse la promozione in A e il soprannome di Profeta. In mezzo, qua e là, le esperienza con Foggia, Pescara, Genoa e Lecce, quest'ultimo traghettato nella massima serie nel 2003 e salvato l'anno successivo con un brillante decimo posto. Quindi il passaggio all'Atalanta, quello alla Lazio e infine al Palermo, dove - da subentrato - sfiora la qualificazione in Champions League e finisce quinto alle spalle della Samp. Quest'anno un cammino più altalenante con una difesa colabrodo (43 reti al passivo) e un attacco a tratti irresistibile, in pieno stile Zeman, suo maestro. "Lascio una squadra a un punto dall'europa, in semifinale di Coppa Italia e con l'organico più giovane della A", ha puntualizzato. Il suo ultimo affondo a Palermo..