Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Toro, lavori forzati alla Borghesiana

Toro, lavori forzati alla BorghesianaTUTTO mercato WEB
© foto di Alberto Mariani
venerdì 18 marzo 2011, 10:482011
di Giulia Borletto
fonte srweb.eu

Sembra che nel ritiro della Borghesiana, dove il Torino FC si è autoconfinato, Papadolpulo stia cercando di far scoccare la scintilla giusta nelle menti dei giocatori del Toro costringendo i giocatori ai lavori forzati in un ambiente monastico, stile ritiro estivo, con un unico pensiero giocare a palla!

In molti (giocatori) penseranno ... che palle, sta palla ... buon per quelli che si sono lievemente infortunati e oggi possono scamparsi questa rottura.
O forse, invece questa potrebbe essere la volta buona che si buttino a corpo morto sul lavoro e trovino gli stimoli per fare un po' il Varese e combattere su ogni pallone che spiove sul campo.

Qualche dubbio sulla seconda ipotesi ci rimane, visto l'andamento stagionale e ci vien da dire che se questo era il problema, la vita comoda, forse a questi ritiri bisognava arrivarci un bel po' di tempo fa.
Sta di fatto che Papadopulo, presentato come il più classico dei sergenti di ferro ha atteso tre giorni ed una sonora sconfitta e poi bata così ... ci siamo fatti l'idea che a nessuno verrà il pensiero di girare per il campo urlando stai muto ... come minimo si ritroverebbe i sesantatre anni di fisico bestiale di Papadopulo a rincorrerlo per il campo.

E allora vai con il 3-5-2 di Zaccheroniana memoria, provato dal fantasma Beretta e dal cervellotico Lerda, tutti con scarso successo, l'unica sicurezza che sembra esserci oggi è quella che giocheranno Lazarevic e Garofalo, due che fanno della corsa e delle incursioni pazze la loro arma vincente.

Uno schema che potrebbe cambiare a seconda delle esigenze in 4-3-3 o anche nel classico 4-4-2, ma da quanto si capisce l'importante per Papadopulo è che non cali mai l'intensità del gioco, che la giusta cattiveria sia sempre presente e che si stia, come si dice, sempre sul pezzo e ... chi non salta, bianconero è!

Vedremo i risultati quali saranno, ma dobbiamo dirlo con sincerità un po' ci fa piacere questa svolta da caserma attuata dal Toro, un po' si è ritornati alla passata stagione quando Colantuono imperversava e cazziava di continuo, sapendo poi però usare anche la mano morbida quando era il caso.

Se tutto funzionerà, cioè se il Toro riuscirà a tornare con tre punti dalla Ciociaria, con ogni probabilità vedremo replicata la settimana di clausura prima della partita con l'Ascoli ... insomma in fin dei conti nel giro di due o tre mesi al massimo ci sarà il liberi tutti e si partirà con la conta di quelli che restano ... che così a naso pensiamo saranno di nuovo pochini.

Ma oggi pensiamo solo al Frosinone.