Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Champions League, Sanchez e Messi stendono il Bayer

Champions League, Sanchez e Messi stendono il BayerTUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
martedì 14 febbraio 2012, 22:502012
di Tommaso Maschio
fonte tuttochampions.it

Partita bella sono nella ripresa quando i padroni di casa decidono di giocare anche in attacco aprendosi però ai contropiedi dei catalani che chiudono gara e qualificazione dopo un inizio stentato. Due lampi di Sanchez, alle prime marcature europee, e la ciliegina sulla torta di Messi allo scadere rendono vano il gol di Kadlec che aveva riaperto la gara in avvio di ripresa. Bayer troppo rinunciatario nel primo tempo e troppo vulnerabile dietro che si appresta a salutare l'Europa, ultima ancora di salvezza di una stagione con più ombre che luci.

Ritmi subito alti alla BayArena di Leverkusen con i tedeschi padroni di casa che giocano molto abbottonati con il solo Schurrle in avanti. Il Barcellona, nonostante le assenze pesanti, dopo un primo momento di sbandamento prende saldamente in mano le redini dell'incontro senza tuttavia trovare spazi nella retroguardia tedesca per battere a rete. L'unica occasione nella prima mezzora è un cross dalla destra di Sanchez per Messi al centro, ma la difesa in extremis chiude con Schwaab. Dal canto suo il Leverkusen invece non crea nessun pericolo facendosi vedere solo saltuariamente nella metà campo catalana. La difesa perfetta della squadra di Dutt, con frequenti raddoppi di marcatura, mette in crisi il Barcellona che non riesce a trovare spazi da aggredire in cui gli attaccanti possano infilarsi per suggerire il passaggio in profondità dei compagni. Solo al 40° il Barcellona riesce a sorprendere la difesa, fin li perfetta, del Bayer trovando il gol del vantaggio. Messi riceve sulla trequarti e vede lo scatto di Sanchez e Fabregas sulla destra. Il lancio dell'argentino viene controllato dal cileno che si presenta davanti a Leno e lo batte con un preciso rasoterra che passa fra le gambe del giovane portiere tedesco, per il vantaggio blaugrana. Si chiude così nel migliore dei modi un primo tempo che ha visto il Barcellona in affanno e notevolmente più lento del solito nonostante lo schiacciante possesso palla.

Nella ripresa il Bayer entra in campo con un atteggiamento diverso e il baricentro più alto cercando di aggredire il Barcellona e rimettere in parità l'incontro nonostante si senta la mancanza di una punta di ruolo in avanti. In questo modo la gara si accende e propone in 10 minuti più di quanto si sia visto nella prima frazione. È il Bayer il primo a fare male con un colpo di testa del terzino Kadlec che sfrutta al meglio un cross dalla destra di Castro per battere Victor Valdes. Il pareggio dura appena due minuti, il tempo per innescare in profondità Sanchez, che si fa trovare di nuovo pronto e batte Leno dopo averlo saltato in dribbling. Il Bayer non molla e sfiora il nuovo pareggio in due occasioni con Renato Augusto prima e Castro poi. È sopratutto il secondo ad andare vicinissimo al gol con una conclusione mancina che finisce sul palo, dopo un impercettibile tocco di Victor Valdes. A venti dalla fine il Barcellona pareggia i conti dei pali con Messi che fa tutto benissimo presentandosi davanti a Leno e superandolo con un perfetto cucchiaio che però si infrange sul primo palo. Dutt decide di rompere gli indugi e manda in campo il centravanti Kiessling al posto di uno dei due centrali di centrocampo. L'attaccante al primo pallone toccato sfiora il gol con un colpo di testa su cross di Castro, ma Valdes blocca a terra. La partita è comunque più viva, con le due squadre lunghe che concedono molto agli avversari. Sanchez, poco prima di uscire, sfiora anche il tris con un colpo di testa su calcio d'angolo che Leno neutralizza con un bel balzo dimostrando le sue grandi qualità. Allo scadere arriva anche il gol dell'argentino che chiude gara e probabilmente qualificazione aprendo e chiudendo un'azione che vede protagonista anche Dani Alves che serve l'ennesimo assist stagionale al compagno di squadra che anticipa anche Pedro al momento del tiro mettendo in spaccata a porta vuota.