Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Criscitiello a Monti: "Prima di chiudere il calcio chiuda l'Italia"

Criscitiello a Monti: "Prima di chiudere il calcio chiuda l'Italia"TUTTO mercato WEB
© foto di Balti Touati/PhotoViews
martedì 29 maggio 2012, 22:262012
di Michele Criscitiello

Professor Monti, 
Con stupore il mondo del calcio ha appreso dalle sue affermazioni la volontà di chiudere una delle aziende piú importanti del nostro Paese, dopo l'ennesima retata di arresti per la triste vicenda del calcioscommesse. La cosa che più preoccupa è che l'idea di fermare il calcio non sia venuta ad un passante di Corso Vittorio Emanuele a Milano ma alla persona alla quale ci siamo affidati per uscire dalla crisi, provocata dalla politica. È come se domani consigliasse ad un malato di uccidersi e non di provare a curarsi. Siamo tutti perplessi di fronte a tali dichiarazioni, gravi e fuoriluogo. Capiamo che ogni giorno deve rilasciare interviste su ogni tipo di argomento tocchi la quotidianeità del nostro Paese ma sarebbe opportuno che prima ragionasse e poi parlasse.

Il sistema calcio fa girare milioni e milioni di euro che danno lavoro a molte persone. Lei, peró, questo lo ignora; che differenza fa avere 200 mila disoccupati in piú o in meno? Prima di pensare di chiudere il calcio pensi che questo sport, seppur malato, non è rappresentato da quei 150 truffatori ma da tanti Professionisti, esempio per molti giovani al contrario di diversi politici che fanno scomparire e ricomparire soldi dai partiti a proprio piacimento. Perché non chiude anche la politica? Perché non chiude tutte le industrie visto che aumentano i fallimenti e i suicidi degli imprenditori, sempre piú sull'orlo del baratro, con una fiscalità assurda che porta l'Iva al 21% e il guadagno netto di un'impresa va sempre considerato al 40% perché l restante 60% deve tornare nelle casse dello Stato? Perché non si preoccupa di trovare una soluzione ai giovani italiani che a 30 anni sono ancora senza lavoro e coloro che si laureano non sanno a cosa vanno incontro? Apprezziamo quanto sta provando a fare per il nostro Paese ma prima di chiudere il calcio, probabilmente, dovrà pensare di chiudere l'Italia.
Michele Criscitiello