Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta

Curiosità dalla B - I sette esoneri della cadetteria

Curiosità dalla B - I sette esoneri della cadetteriaTUTTO mercato WEB
© foto di Marco Murani/TuttoLegaPro.com
mercoledì 19 dicembre 2012, 06:452012
di Elisabetta Zampieri

La 19a giornata di Serie B 2012-2013 ha visto l'addio alla panchina del Padova da parte di Fulvio Pea. Le due sconfitte consecutive rimediate contro Novara e Sassuolo, hanno convinto il presidente Cestaro a lasciar andare il tecnico che l'anno scorso portò gli emiliani ad un passo dalla Serie A e ad affidarsi all'esperienza di Franco Colomba.

L'esonero di Pea è solo l'ultimo di una lunga serie che, a solo due giornate dal giro di boa, è arrivata a quota sette. Il primo arrivò in casa Cesena dopo solo tre gare e fu il fratello del Presidente Campedelli, Nicola, a venir allontanato. Al suo posto Bisoli. Successivamente al settimo turno fu il turno del Grosseto con il presidente Camilli che lasciò andare Moriero per Somma. La nona giornata poi vide l'arrivo di Camolese sulla panchina della Pro Vercelli che prese il posto di Braghin mentre la dodicesima salutò Attilio Tesser che lasciò il Novara per far spazio alla coppia Gattuso-Perrone. Gli ultimi due cambi arrivarono invece alla quindicesima giornata e furono soltanto l'ennesimo cambio in panchina di due delle squadre più in difficoltà di questa stagione. Grosseto e Novara infatti decisero di lasciar andare rispettivamente Somma e la coppia Gattuso-Perrone per fare spazio al tandem Magrini-Consonni e Alfredo Aglietti.

Sette allenatori che sono saltati ed altrettanti che hanno preso in corsa le rispettive squadre. Una tendenza ben lontana dai sani modelli di Arsenal e Manchester United e che invece si avvicina sempre più a quell'ossessione di risultati dei principali presidenti di Serie A. Mancano ancora tante partite alla fine della stagione, troppe forse, il numero è destinato a salire.